Amazon lancia Reading: libri gratis per gli abbonati Prime

Sharon Santarelli

In WEB / Sharon Santarelli / Comments

Amazon è diventato in questi anni il colosso dell’e-commerce: la vastissima scelta di merce offerta, i prezzi spesso scontati e le spedizioni in tempi rapidissimi, hanno portato gli utenti ad abbandonare in parte il classico shopping.

Così, visto l’elevato numero di utenti che ogni giorni si riversano sulla piattaforma, ha deciso di ampliare il suo business e  di offrire anche ulteriori servizi, tutti ricompresi nell’abbonamento Prime, che inizialmente aveva un costo di 20 euro e che consentiva esclusivamente spese di spedizione gratuite in tempi ridotti rispetto a quelli usuali.

Dopo poco tempo i servizi sono aumentati, in particolar modo è stata lanciata una specie di “TV online” gratuita – ovviamente solo per chi è in possesso di un account Prime – con film e serie tv che possono essere visti tranquillamente sul proprio pc o su una tv che ha una connessione internet; insomma un piccolo concorrente di Netflix.

Quest’anno il costo dell’account Premium è aumentato da 20 a 36 Euro, con non poca agitazione da parte del consumatore. Così, il colosso del commercio “digitale” ha deciso di aumentare i servizi offerti ai suoi utenti: grazie ad Amazon Riding ora possono accedere a libri, fumetti ed altri contenuti da una selezione a rotazione. Il servizio è disponibile sia su Kindle e tablet Fire di Amazon, ma anche su iPad, iPhone e dispositivi Android.

Mel 2017 il mercato degli e-book ha raggiunto quota 64 milioni di euro di valore con una crescita del 3,2%. Le librerie restano sì il principale canale d’acquisto per i libri nuovi, ma gli store online crescono inesorabilmente e (senza contare il peso degli ebook) arrivano al 21,3% dei volumi venduti.

Amazon, per raggiungere un ampio spettro di utenti, ha inserito tra le possibile scelte libri famosissimi, tra cui “Harry Potter e la Pietra Filosofale” di J.K. Rowling, “Dove nasce l’arcobaleno” di Andrea Caschetto, “Certi Momenti” di Andrea Camilleri, “La teologia del cinghiale” di Gesuino Nèmus e la serie “Twilight” di Stephenie Meyer, insieme a fumetti come “Le più belle storie estive” di Disney.

E’ indubbiamente una manovra economica comunque degna di nota: cercare di sviluppare la cultura ed avvicinare le persone alla lettura ha dell’ammirevole, soprattutto ora che la tecnologia sta assumendo un ruolo sempre più forte nella vita di tutti i giorni. Ma ricordate: l’odore delle pagine di un buon libro non potrà mai in nessun modo cedere alla tecnologia.