Da www.eurosport.it

Alla scoperta delle maglie più particolari delle Nazionali partecipanti a Euro 2020

photo by Pixabay

Casacche europee che non passano certe inosservate!

Che Euro 2020 sarebbe senza i colori sgargianti delle maglie delle Nazionali partecipanti? Un Euro 2020 certamente in tono minore, perché va bene il gioco del calcio con le sue prodezze tecniche, ma un pizzico di folklore ogni tanto non fa certo male, anzi…Siccome noi amiamo i colori del pallone, eccoci qui a parlarvi delle maglie più particolari che abbiamo visto o che vedremo nel corso di questo interessantissimo Campionato europeo. Perché abbiamo scelto proprio le più particolari? Perché dirvi qualcosa di quelle classiche, che sicuramente già conoscete, ci sembrava alquanto noioso. Dunque uno stop deciso alla noia, e prepariamoci per intraprendere insieme un cammino dove ne vedrete (e ne vedremo) letteralmente di tutti i colori.

Dalla maglia da trasferta della Croazia a quella (sempre da trasferta) del Portogallo

Se siete pronti partiamo senza indugi. La prima maglia particolare che apre ufficialmente la nostra sfilata è quella da trasferta della Croazia. Essa è una rielaborazione della classica biancorossa a scacchi, solo che in questo caso gli scacchi sono color nero e grigio antracite. Una combo ben riuscita, risaltata dal logo croato che capeggia sul lato sinistro della maglia. Che dire poi della divisa away del Galles? Bale e compagni hanno pensato bene di vestirsi di giallo, spezzando il tutto con un pantaloncino verde e con calzettoni anch’essi gialli. Non vediamo l’ora di vedere tale mise, e scusateci per il gioco di parole mal riuscito! Non sappiamo se loro saranno o meno felici di indossare la maglia di cui stiamo per parlarvi, ma noi di ammirarla certamente sì: ci riferiamo all’Italia e alla sua terza maglia verde con un pattern grafico che si ispira al Rinascimento. Per adesso la Nazionale azzurra, un gruppo formato da giocatori pazzeschi che sta meritando di essere tra le favoritissime di Euro 2020 come testimoniato dalle quote europei, non sembra intenzionata a mostrarcela dal vivo.

Noi siamo in attesa che ci faccia questo regalo, oltre agli incredibili regali che ci ha già fatto dominando il Gruppo A. Tornando con i piedi per terra, accogliamo ora la Macedonia del Nord con le sue casacche particolari, particolari nel senso che più piatte di così non potrebbero essere! In pratica abbiamo quella ufficiale rosso scuro con sottili linee bianche ai lati, la seconda invece è bianca con sottili linee oro ai lati e la terza è nera con sottili linee arancioni ai lati. E dire che per la Macedonia del Nord partecipare a Euro 2020 dovrebbe essere un evento da festeggiare, ma farlo con questi outfit…Forse non sarà particolare come le maglie di cui vi abbiamo parlato fin ora, ma di sicuro è quantomeno audace. Stiamo parlando della maglia del Belgio, che con il nuovo logo a forma di b e con quella pennellata di nero sopra sfondo rosso non passa certo inosservata. E non potrebbe essere altrimenti visto che è pur sempre il pezzo pregiato della divisa home della squadra che al pari della Francia ha le maggiori possibilità di vincere Euro 2020. Una squadra che invece non ha alcuna possibilità di vincere Euro 2020, ma che almeno quando scende in campo si fa notare grazie a una casacca away davvero pazzesca è la Slovacchia, Nazionale che sul proprio corpo può sfoggiare con orgoglio un “quadro astratto” composto da un vivace pattern azzurro-blu. Davvero niente male per Škriniar e compagni. Con la seconda casacca del Portogallo, eccoci proiettati insieme a voi come per magia all’interno di un universo misterioso. Universo misterioso nel senso che non riusciamo a capire come si possa arrivare a realizzare una casacca verde acqua con sopra tre strisce orizzontali di color nero-rosso-verde acqua. Un vero e proprio mistero che solo voi potete risolvere. Noi di sicuro non ci riusciremo.

Due menzioni speciali vanno a…

photo by Pixabay

Non potevamo concludere quest’articolo senza fare due menzioni speciali a due Nazionali di Euro 2020 per le maglie da trasferta che sono pronte a sfoggiare. La prima va sicuramente alla Scozia, perché la sua maglia da trasferta oltre a essere particolare è davvero molto bella: lo sfondo color ghiaccio con l’aggiunta di dettagli navy è una scelta azzeccatissima. Quasi quasi la preferiamo alla classica blu scuro con la quale gli uomini allenati da Clarke hanno perso la partita inaugurale contro la Repubblica Ceca dell’ispiratissimo Schick. Non è che magari indossando l’elegante e raffinata seconda divisa le cose d’ora in avanti andranno per il verso giusto? Forse no, visto che in questo Campionato europeo la Scozia non sta ben figurando. Ok, non pensavamo certo che avrebbe fatto troppa strada, però speravamo almeno di vederla giocare a calcio. Ed eccoci arrivati alla seconda menzione; questa volta è il turno della Germania e della sua casacca nera con tre strisce (Adidas) sempre dello stesso colore ma più tenue. Insomma, eleganza e sobrietà allo stato puro per la Nazionale allenata da Joachim Löw, che non è partita con il piede giusto a Euro 2020, almeno se consideriamo la gara inaugurale persa contro la Francia. Vero è che con il Portogallo la storia dei “Die Mannschaft” è subito cambiata, così come è cambiata la storia dell’atalantino Robin Gosens, autore di un goal e di un assist che ne stanno facendo lievitare il valore di mercato a una quarantina di milioni circa. Una bella notizia per la Dea, ma anche per il calciatore che se continua a giocare come sta facendo può essere l’uomo in più in grado di trascinare Thomas Müller e compagni verso traguardi insperati. Sì perché con tutto il rispetto per i tedeschi, ma Belgio e Italia in teoria avrebbero una marcia in più, e il calcio da loro offerto ne è la riprova. Al di là di quale sarà il futuro della squadra allenata da Löw, noi da amanti delle maglie più particolari delle Nazionali partecipanti a Euro 2020 non vediamo l’ora di vedere quella nera della Germania. A dire il vero non vediamo l’ora di vederne anche altre, tra cui quella verde di questa splendida Italia, ma probabilmente lo abbiamo già detto prima!



redazione