Fonte: www.hindustantimes.com

Una statua d’oro all’alabai turkmeno: lo strano omaggio del presidente

Gli animali sono i migliori amici dell’uomo. Lo dice la scienza e, soprattutto, lo dice l’esperienza. Per chi ne ha, sono a tutti gli effetti componenti della famiglia. Con loro si condividono gioie, dolori, momenti di gioco o di semplice svago. Fanno parte della casa in tutto e per tutti, sono una parte integrante della vita a cui nessuno può rinunciare. Vestiti, accessori, feste di compleanno, biscottini e crocchette di ogni gusto. Insomma, ognuno di noi nutre un così profondo affetto nei confronti del proprio amico a 4 zampe tanto da accontentare ogni suo vizio. Ma fino a dove può spingersi l’amore per il proprio animale preferito? Se lo chiediamo al presidente del Turkmenistan, fino ad erigere una statua di sei metri in oro zecchino!

Fonte: www.ruptly.tv

UN MONUMENTO IN ORO COME PROVA D’AMORE

Una gigantesca statua dorata di sei metri raffigurante un alabai turkmeno, o pastore dell’Asia centrale, infatti, è stata istallata nella capitale Ashgabat, in una zona residenziale costruita per alloggiare i dipendenti pubblici. Questo è l’omaggio che il presidente del Turkmenistan, Gurbanguly Berdymukhamedov ha voluto dedicare alla sua razza di cane preferita. Si tratta di un’opera moderna e mastodontica che poggia su un enorme piedistallo a led sul quale scorrono immagini del cane in varie situazioni. Un monumento unico nel suo genere, prova del grande amore che tutta la nazione prova nei confronti dei cani pastori alabai, originari dell’Asia centrale, già inseriti nella lista dei patrimoni nazionali insieme ai tappeti fatti a mano e alla celebre razza di cavallo da corsa, akhal teke. Non è dato sapere i costi dell’opera, ma il video della cerimonia di inaugurazione, a cui ha partecipato lo stesso capo di Stato Berdymukhamedov, sta facendo il giro del mondo. E non sono mancati commenti sarcastici e spesso sprezzanti vista la povertà in cui vive la maggior parte della popolazione dello Stato asiatico.

Fonte: www.ilcomizio.it

UN NUOVO OMAGGIO ALL’ALABAI

Il presidente turkmeno non è nuovo a gesti eclatanti. Nel 2015 si fece costruire un monumento a cavallo, sempre in oro, e nel 2017 regalò un cucciolo di alabai al presidente russo Vladimir Putin. Anche in questo caso, il cui video della consegna divenne virale sul web perché Berdymukhamedov prese il cagnolino per il collo e lo tenne sospeso in aria prima di donarlo al leader russo. Non è la prima volta neanche per l’alabai, che ha ricevuto già diversi “omaggi” in Turkmenistan. L’anno scorso, ad esempio, proprio il presidente gli aveva dedicato un libro.



Catiuscia Polzella