SARS prende una brutta piega in Nigeria

Il gruppo militarizzato SARS causa violente proteste in Nigeria e nelle comunità nigeriane espatriate in tutto il mondo. Il presidente del paese ha promesso ad un pubblico scettico che avrebbe represso gli agenti di polizia corrotti accusati di brutalizzare i cittadini. Ma scopriamo cos’è questo acronimo, spesso confuso con il virus, che affligge il Gigante d’Africa.

View this post on Instagram

A man standing by just lost his life. Who will break the news to his wife? A 10 year old child was murdered too. His mother is inconsolable. Innocent lives are being snatched away. Who will be held accountable? We are not asking for electricity or other basic amenities. We are simply asking for the right to live. Can we live? You’re meant to be our protectors. You’re meant to shield us from those than mean to harm us. But now you torment us. Who is going to protect us from our protectors? Have you no conscience? Have you no heart? This has gone on for far too long. We are tired and it is time to bring this Injustice to an End. A complete End! SARS Must End and So Must All Forms of Police Brutality. #EndPoliceBrutality! #SARSMUSTEND Thoughts and prayers with everyone who has lost life, limb or experienced any form of hurt especially whilst peacefully protesting against police brutality. We shall overcome! ✊🏾

A post shared by Laycon (@itslaycon) on

Le proteste

Le proteste sono scoppiate nelle principali città nigeriane, tra cui Lagos e la capitale, Abuja, e l’indignazione è diffusa rapidamente online. “I giovani in Nigeria sono stanchi”, ha detto Ms. Adams, 25, lo studente laureato della Boston University, che ha contribuito a organizzare l’evento con altri attivisti che ha incontrato su Twitter.

Manifestazioni di solidarietà si sono svolte nella diaspora nigeriana in città come Atlanta, Berlino e Londra, nel rispetto delle misure Covid-19. Domenica scorsa a New York, i giovani manifestanti si sono riuniti davanti al consolato generale nigeriano a Midtown per condividere le loro storie di brutalità poliziesca mentre erano in Nigeria e per chiedere l’intervento del governo nigeriano. L’hashtag #Endsars ha attirato l’attenzione mondiale, in particolare negli Stati Uniti, luogo di nascita del movimento Black Lives Matter. Le proteste nigeriane sono state abbracciate da grandi star americane come Chance the Rapper, Cardi B, Drake e Puff Daddy nonchè dalla star nigeriana Burna Boy.

 

Le richieste dei manifestanti 

 Il governo aveva già sciolto 4 volte il corpo di polizia, e la cittadinanza è davvero stufa. I manifestanti dicono che non saranno soddisfatti finchè il presidente non intraprenderà un’azione chiara e definitiva non solo per sciogliere la SARS, ma per affrontare problemi più ampi con la polizia. Le loro richieste includono: valutazioni psicologiche per gli agenti della SARS e risarcimenti per le vittime della violenza della polizia. Stanno anche spingendo per una migliore retribuzione per gli agenti di polizia per ridurre lo sfruttamento finanziario dei cittadini. L’ultimo punto ha creato parecchio scompiglio paragonato al movimento americano #defundthepolice che chiede il taglio dei finanziamenti ai corpi di polizia. 

via NewsWire NGR

Origini

La squadra speciale anti-rapina rinominata SARS fu creata nel 1992  dal governo del paese Africano per affrontare il problema della criminalità violenta a Lagos. Inizialmente operava come una squadra di 15 membri senza volto che viaggiava su due autobus senza nome. I suoi ufficiali spesso non indossavano né uniformi né cartellini con il nome. L’anonimato era considerato vitale per affrontare le bande che terrorizzavano apertamente la capitale all’epoca.

Con la crescita dell’unità di polizia militarizzata la sua natura anonima apre la porta agli abusi, rendendo difficile identificare e denunciare gli ufficiali colpevoli. SARS prendeva di mira giovani che appaiono ben vestiti, estorcendo loro denaro, torturando e abusando e persino uccidendo coloro che resistono. Amnesty International ha registrato nell’ultimo anno più di 82 casi di abusi e uccisioni extragiudiziali da parte di funzionari della SARS da gennaio 2017 a maggio 2017.



Irene Coltrinari