Fonte: Radio Deejay

Sanremo, Gianni Morandi come Fedez, ad un passo dalla squalifica: é tutto hype quello che luccica?

Ci risiamo, il periodo più atteso dell’anno é quasi giunto alle porte. Luci, lustrini, fiori, canzoni e balletti. No, non é Natale é Sanremo. Il festival della canzone italiana sta finalmente tornando e con lui anche Amadeus, che quest’anno ha radunato attorno a sé un cast di tutto merito: da giovanissimi a grandi firme della musica italiana. Gli imprevisti, però, durante la lunga e strepitante attesa per rivedere di nuovo le luci dell’Ariston accese, sono davvero all’ordine del giorno. Bisogna stare attenti, curare gli ultimissimi dettagli e soprattutto: evitare gli spoiler. I social negli ultimi anni hanno un po’ messo a rischio questa atmosfera di segretezza, ed a sbagliare questa volta é stato niente poco di meno che Gianni Morandi.

Fedez nel 2021 e Morandi nel 2022: dallo spoiler della canzone al rischio della squalifica.

Da un lato un giovane “boomer” – come si suole definire lui stesso – che l’anno scorso ha fatto davvero temere per la sua eliminazione anticipata dal festival. Fedez, in coppia con Francesca Michelin con la canzone “Chiamami per nome”, aveva messo a disposizione sul suo profilo Instagram un minuscolo pezzo del brano, pubblicando un video di suo figlio che commentava la canzone. Subito eleminato il video dai social, il rapper ha chiesto umilmente scusa alla direzione del festival e soprattutto alla sua compagna di viaggio. Pericolo scampato, insieme sono arrivati fino al secondo posto della classifica di Sanremo.

Dall’altro lato, però, un grande della musica leggera italiana. Nonché un ex presentatore dello stesso festival per ben due anni di fila (2011 e 2012). Uno come Morandi avrebbe dovuto conoscere bene il regolamento e dimostrare una certa responsabilità a riguardo. Invece, é caduto nello stesso errore.

“Apri tutte le porte” è il titolo del brano di Gianni Morandi che sarà presentato a Sanremo 2022. Il cantante ha preso troppo sul serio la canzone, e ha aperto le porte del suo profilo Facebook pubblicando un estratto del pezzo in gara.

Per circa mezz’ora i suoi followers hanno potuto ascoltare parte del brano scritto da Jovanotti e prodotto da Mousse T. Nonostante il video fosse stato poi eliminato, ciò che viene messo in rete rimane lì per sempre, si sa.

La notizia era circolata grazie alla segnalazione di alcuni lettori sul sito All Music Italia. Da questo si evinceva che il video fosse abbastanza esplicativo delle varie fasi che hanno accompagnato la nascita di “Apri tutte le porte”: dalla scrittura del testo alla musica scelta per questo. Tuttavia, così come nel 2021, a seguito di quanto avvenuto, tanto la Rai quanto la direzione tecnica del festival hanno convenuto non proseguire con la squalifica. Di seguito la nota diffusa dell’emittente pubblica:

In merito alla diffusione involontaria del brano di Gianni Morandi, in gara al 72esimo Festival della Canzone di Sanremo, la Direzione artistica in accordo con Rai1 non ritiene di dover escludere la suddetta canzone perché si è trattato di un puro inconveniente tecnico, dovuto alla necessità di Morandi di portare un tutore alla mano destra che ha subito diversi interventi a seguito dell’incidente occorsogli alcuni mesi fa. L’impedimento al movimento della mano ha determinato l’errore per cui Morandi ha messo in rete il backstage che stava vedendo privatamente. Morandi non è mai ricorso a social media manager per la gestione del suo profilo Facebook e ha quindi commesso l’errore tecnico sopra menzionato. Restano quindi in gara la canzone e l’artista Morandi.

Gianni Morandi chiede scusa, ma alcune domande restano. Una tra tutte: cosa dice il regolamento?

“Eccezion fatta unicamente per le Cover, tutte le canzoni dovranno essere “nuove” (…)  al momento dell’iscrizione a SANREMO 2022 e rimanere tali sino alla loro prima esecuzione nel corso del Festival. E’ considerata nuova, ai sensi e per gli effetti del presente Regolamento, la canzone che, nell’insieme della sua composizione o nella sola parte musicale o nel solo testo letterario (fatte salve per quest’ultimo eventuali iniziative editoriali debitamente autorizzate) non sia già stata fruita, anche se a scopo gratuito, da un pubblico presente o lontano, o eseguita o interpretata in tutto o in parte dal vivo ovvero in versione registrata alla presenza di pubblico
presente o lontano”.

Pubblicando un estratto della canzone su un social network pubblico Gianni Morandi quest’anno, Fedez l’anno scorso, sono venuti meno a quanto sopra indicato. In entrambi i casi, sono stati individuati degli inconvenienti in grado di giustificare la loro permanenza in gara. Per Fedez si era trattato di una “durata dell’interpretazione nel video (…) estremamente ridotta e tale da non svelare di per sé il brano”, per Gianni di un semplice problema tecnico.

In sintesi, è stato davvero tutto “uno sbaglio”, “un equivoco”, “una disattenzione”? A quanto pare, per Sanremo sì. Infatti, così come successo l’anno scorso, Morandi non é stato squalificato.

Ci si domanda, dunque, se tale provvedimento dovrebbe essere allora più specifico a riguardo. Dato che, Fedez e Morandi sono solo gli ultimi di una lunga serie di cantanti che – chi per sbaglio chi volontariamente – ha presentato il pezzo in gara a Sanremo in maniera anticipata attraverso altri canali. Da Skytg24 si riporta ad esempio il caso del 2012, che coinvolse Gigi d’Alessio e Loredana Berté. La loro canzone “Respirare”, per l’appunto, ancora prima di essere selezionata per il festival, andò in piccola parte su YouTube. Nonostante ciò, poté partecipare senza alcun indugio.

Perché, quindi, cantanti di un simile spessore nonostante la conoscenza delle regole sanremesi e delle possibili conseguenze in caso di violazione, si ostinano a sbagliare?

É vero che i social sono personali, in questi casi, e che come tutti si può pubblicare qualcosa erroneamente. Simili scivoloni, però, dovrebbero essere evitati dal team che segue costantemente gli artisti in questione. Chissà, magari si è scelto di chiudere volutamente un occhio? Nel dubbio Gianni Morandi abbandona almeno fino all’inizio del festival, l’1 febbraio, il suo smartphone.

 

La cosa più esilarante, in tutto ciò, é stata la pubblica candidatura di Fedez che si è proposto di diventare il social media manager di Morandi. Con tanto di: “Amadeus mi conosce e sa che con me può stare tranquillo”. Quest’estate, quindi, se lo cose dovessero andare realmente così, si teme il rischio di un bel tormento estivo Fedez-Morandi a proposito.

Gli errori, sia chiaro, possono capitare. Se a ciò si aggiunge che Gianni senza la sua Anna é perduto e Fedez si ritiene un giovane vecchio imbranato, ancora di più. Un pizzico di malizia nel mondo dello spettacolo, però, non fa mai male. Dato che, se si é in cerca di un po’ di hype pre-festival, quale miglior modo di andare ad un passo dalla squalifica.



Giulia Grasso