Orietta Berti negli anni: ecco chi è la vera star di Sanremo 2021

Orietta Berti conquista il palco di Sanremo e tutte le generazioni: l’usignolo di Cavriago ritorna a Sanremo dopo ben 29 anni dall’ultima partecipazione. Sicuramente una delle protagoniste indiscusse di questa edizione, Orietta ci lascia senza parole e si riconferma vera regina del palcoscenico. Questo Festival di Sanremo non sarebbe lo stesso senza di lei e la sua chioma rosso fuoco! Nei giorni scorsi, tanta è stata la curiosità dietro al suo look e alle sue performance e questa sera ci ha stupito giocando con ironia e teatralità.

Ma prima di analizzare la sua performance e il suo look shock da prima serata, ripercorriamo alcune tappe fondamentali della sua carriera musicale (e del suo look!).

1965 – Arriva il successo

Nel 1965 Orietta Berti vince: “Un disco per l’estate 1965”, la “Mostra Internazionale di Musica Leggera” con la canzone Tu sei quello e  il “Festival delle Rose” con il brano Voglio dirti grazie.

1966 – Orietta debuttante al Festival di Sanremo

Era il 1966 quando una giovanissima Orietta Berti debuttava al Festival di Sanremo con il brano Io ti darò di più.  Elegantissima in una mise da prima serata con tanto di raccolto e scollatura gioiello. Una bellezza emiliana con la voce da usignolo: per Orietta era solo l’inizio!

 

1969 – Sanremo e l’incredibile abito di Mila Schon

L’abito realizzato da Mila Schon per l’esibizione al Festival di Sanremo di Orietta Berti è entrato nella storia della moda. La cantante venne derisa e criticata da Alighiero Noschese per la scelta di un abito poco sobrio e forse poco adatto al suo fisico. Eppure, Orietta venne successivamente premiata a Milano per aver fatto parlare di moda durante il corso di quell’edizione. Ancora oggi ne va fiera e diciamolo, Orietta visionaria ci piace!

 

1970 – Finché la barca va

Gli anni ’70 per Orietta Berti sono stati davvero anni d’oro: impossibile non citare la sua canzone per antonomasia, Finché la barca va. Hit che è diventata senza tempo e simbolo di più generazioni, Orietta ha cavalcato l’onda del successo classificandosi terza a “Un disco per l’estate 1970″. E proprio nello stesso anno la RAI le dedica uno speciale di quattro puntate incentrato sulla sua vita e carriera musicale dal titolo “La cugina Orietta”.

Ma non dimentichiamoci anche della performance di Sanremo di quell’anno con Tipitipiti e con un look sbarazzino con tanto di fiocco al collo. Orietta sempre impeccabile!

1986 – Futuro 

Un altro Festival pazzesco per Orietta e per il suo look: in un abito ceruleo e ricco di luccichìo realizzato da Nicola Trussardi, Orietta illumina il palco sanremese cantando “Futuro“.

1992 – Ultimo Festival di Sanremo… prima di stasera!

Rumba di Tango“: ecco il brano presentato a Sanremo nel 1992 da Orietta Berti e Giorgio Faletti. Il suo look ci piace ancora oggi: giacca strutturata in velluto con ricami oro e spalline imbottite che ci ricordano un po’ il completo Maison Martin Margiela di Arisa di questa 71esima edizione del Festival. Un look così attuale che è ancora da 110 e lode.

 

2010 – Il Premio Speciale Mia Martini

Nel 2010 Orietta riceve il Premio Speciale Mia Martini alla carriera per i suoi 45 anni di attività nel mondo musicale. Per questa occasione, sfoggia una mise elegante e sobria per celebrare un traguardo professionale unico e indimenticabile.

2021 – La 12esima edizione di Sanremo in GCDS 

Regina della canzone popolare italiana, Orietta Berti ricalca il palco dell’Ariston ricoperta da paillettes blu notte. Lo stilista che veste Orietta per questa edizione è proprio Giuliano Calza, re dello streetwear contemporaneo a capo del brand GCDS. E avete notato il dettaglio a conchiglia sul seno? Audace e abbiamo come la netta sensazione che sia il leitmotiv dei suoi outfit per questo Sanremo 2021. E che dire degli orecchini tempestati di swarovski a forma di iniziale? Orietta ci fai impazzire.



Valentina Brini