elzocco.com

Mahmood ha il mondo nelle sue mani

È già passato un anno dall’Eurovision che ha consacrato Mahmood cantante di fama internazionale dopo la meritata, e discussa, vittoria al Festival di Sanremo 2019 con il suo brano Soldi.

A giudicare dall’andamento della sua carriera dopo un anno esatto dal festival, l’Eurovision è stato solo il trampolino di lancio per un artista che, al giorno d’oggi, è sulla bocca di tutti e può contare una miriade di fans, anche internazionali.

Reduce da un tour europeo di grande successo, Mahmood sarebbe dovuto partire in tournée per un bis che, causa Covid-19, è stato rimandato al 2021 con svariate tappe europee (Londra, Amsterdam, Madrid, etc.), segno di una carriera che sta funzionando nel verso giusto e che non mira al solo successo nazionale, bensì ad espandersi il più possibile e portare la musica italiana in giro per il mondo.

menchic.it

Da Soldi in poi, il cantante milanese ha dimostrato la sua grande ecletticità, sperimentando con ogni brano un genere diverso e basando proprio su questo il suo successo attuale.

L’ultima dimostrazione di questa sperimentazione musicale ci è stata data lo scorso venerdì, quando Mahmood ha pubblicato il suo nuovo brano Moonlight Popolare in collaborazione con il rapper Massimo Pericolo. Il brano strizza l’occhio alla musica rap con i forti versi del rapper di Varese accompagnati dalla grande destrezza di Mahmmod che mette in risalto la sua vita da quartiere di Milano Sud e la contrappone a chi lo critica per essere arrivato al successo, dicendo:

Però se guardi in alto da ‘sto giardino
La luna sembra uno zaffiro perso nel buio

La quarantena è stata poi un’altra dimostrazione della pasta di cui è fatto Alessandro grazie a due canzoni totalmente diverse fra loro che però hanno creato il subbuglio tra i suoi fans ricevendo tantissime reazioni positive: Eternantena, un autentico freestyle sulle emozioni generate dal confinamento, e la meravigliosa cover di Redemption Song (Bob Marley), capace di emozionare chiunque in un periodo così difficile.

perizona.it

Nonostante ciò, i brani che al giorno d’oggi hanno fatto più successo dopo il trionfo a Sanremo sono due: Rapide e Barrio, anch’essi totalmente differenti però simili abbastanza per riconoscere lo stampo di Mahmood.

La prima è un toccante gioiellino del pop, con un Mahmood emotivo che riflette su una storia d’amore deludente. Il video è la ciliegina sulla torta e mostra un Mahmood sicuro di sé, forse più consapevole di ciò che sta creando e voglioso di continuare a fare del bene. La seconda è invece una movimentata canzone pop dai ritmi latini che, ovviamente, ha fatto molto successo in Spagna, arrivando a diventare uno dei tormentoni estivi-autunnali del 2019.

Da non dimenticare anche le varie collaborazioni realizzati con alcuni dei rapper più in voga del momento, come Gemitaiz e Madman (Karate), Marracash (NON SONO MARRA) e tha Supreme (8rosk1), oltre che l’incantevole creazione regalata a Elodie durante l’ultimo festival di Sanremo, Andromeda è stata infatti scritta da Mahmood e prodotta dal suo eterno collaboratore Dardust.

La nostra sensazione è che Mahmood abbia solo iniziato con la sua carriera e il prossimo album sarà fondamentale per conoscere il futuro del cantante di Gioventù Bruciata che, ora come ora, è il cantante con più successo sia a livello nazionale che internazionale, e noi non possiamo che esserne più contenti!



Marco Russano