vergine a 30 anni zio benny

“Lui 30 anni ancora vergine, che faccio?” Raccontalo a zio Benny

Salve zio Benny, ti scrivo perché ho un problema un po’ bizzarro e magari te, che ne senti tante, potresti aiutarmi a capire meglio la mia situazione. In pratica frequento un ragazzo di 30 anni, un ragazzo ancora vergine. Ovviamente non di segno, ma di fatto. Io ne ho 33 e nonostante qualche anno di differenza, posso affermarti che siamo coetanei. Ci frequentiamo da quattro mesi e ogni volta che stiamo per raggiungere la terza base, lui si ritrae. Poi finalmente una sera, c’è stata la rivelazione. Mi ha confessato di essere ancora vergine.

Come motivazione ha detto solo di non essere pronto! Da quel momento io non ho più forzato la mano, ma nemmeno lui eh! Anzi, sembriamo una giovane coppietta di liceali alle prime esperienze. Baci, carezze, qualche toccatina di tanto in tanto e stop! Che faccio? Per quanto io mi ci stia affezionando non riesco a non pensare che sono una donna che necessità di determinate attenzioni. Sono insensibile?
Nichy!”

Carissima Nichy, il tuo è sì, un problema bizzarro. Qui entrambi dovete fare un po’ di chiarezza con voi stessi e come “coppia”.
Innanzitutto lui dovrebbe capire cos’è che lo spinge a non sentirsi pronto. Se non ti ha parlato di convinzioni religiose, suppongo che sia tutta questione di testa. In questo caso dovrebbe realmente capire cos’è che lo blocca. Potrebbe trattarsi di ansia da prestazione? Potrebbe essere un suo disagio mentale nel mostrarsi nudo. Sì, potrebbe essere proprio questo. Dopo la tua email ho letto un po’ di articoli di psicologia e, ad un certo punto mi hai fatto sentire come l’intramontabile Anna Marchesini nel suo sketch “La Sessuologa”. Proverò a dirtelo a parole sue tentando in vano di imitare la sua ironia.

fonte: finestraaperta

“E’ possibile che il tuo partner, abbia problemi a mostrarsi nudo. Completamente! Potrebbe avere insicurezze sul suo… ehm, malloppetto ciccioso, penduloso. Per le sue dimensioni, che possono variare per natura, ma non solo…anche per la SITUAZIONE! O potrebbero non variare affatto!”

Se la sua evasione è dettata da questi motivi, non puoi far altro che incoraggiarlo e tentare di farlo sentire a suo agio, magari togliendo un indumento alla volta. Se è cocciuto, magari in più puntate.
Stesso discorso per l’ansia da prestazione. Ricopri le vesti di quell’uragano di Jill Cooper e motivalo, trasforma il tuo uomo in uno stallone, mettici grinta e passione!

fonte: termemaltempo

Il tuoi dubbi, invece, sono totalmente legittimi. Non sei insensibile. Viviamo fortunatamente in un’epoca di grandi libertà sessuali, anche se qualche volta qualcuno vorrebbe tentare di riportarci al Medioevo. Dunque, tu da donna matura quale sei, conosci le tue esigenze e le necessità del tuo corpo, di conseguenza è assolutamente normale che tu ricerchi ciò che ti fa star bene con te stessa. Non c’è proprio nulla di male.
Sei cosciente del tuo corpo e vuoi che qualcuno pizzichi le tue corde! Evviva!

Ecco che dunque arriviamo al terzo punto. Spero si siano capiti quali siano gli altri due. Parlane con lui. Apri l’argomento, senza il timore di ferire la sua anima fragile. In fondo è ciò che ti ritrovi davanti, un uomo pieno di fragilità. Dunque, suppongo che la chiarezza e la sincerità siano i passi migliori. Parlagli delle tue esigenze, senza vergogna. Non preoccuparti di apparire come “vogliosa”, perché credimi, non c’è alcun male a desiderare di fare del sesso, specialmente con la persona che si ama. Mostrati comprensiva verso le sue perplessità e ascolta le sue ragioni.

Il risultato sarà duplice:

  • Lui capirà le tue motivazioni e con il tuo aiuto si scioglierà e se accadrà, rimpiangerà tutto il tempo sprecato.
  • Lui non capirà e resterà fermo nelle sue insicurezza. A quel punto, Nichy, o conservi per lui quel pacchetto di sentimenti o potrai decidere di rituffarti in pista alla ricerca di una pesca più proficua. Il mare è pieno di pesci, anche se negli ultimi anni, sto notando una sorta di rialzo dei prezzi! Strano vero?

Nichy, sono molto curioso di sapere come andrà. Torna da me vittoriosa e no, non ti sto chiedendo materiale probatorio, ma solo, nel caso, qualche dettaglio pruriginoso. Li amo tanto!

Potete continuare a scrivermi a benito.dellaquila@socialup.it oppure mi trovate su Instagram @lookonart



Benito Dell'Aquila