Lanciare Youtube nello spazio? E’ possibile!

Andrea Calabrò

In social up, WEB / Andrea Calabrò / Comments

Dal titolo potrebbe sembrare che qualcuno stia cercando di disfarsi di youtube, cosa che in effetti in alcuni casi sarebbe pure utile, ma oggi non parleremo del trash di uno dei nostri siti preferiti. Oggi parleremo della bella iniziativa proposta il 10 Settembre 2016 da Jonny Polotto un giovane youtuber comense che, insieme all’aiuto della sua famiglia e di alcuni youtubers italiani che appaiono nel video, ha deciso di spedire nello spazio Youtube (…ed anche un oreo)! Com’è possibile? Il team ha utilizzato un pallone aerostatico che ha raggiunto l’altezza di ben  36000 metri! Lo stesso Jonny sul suo sito afferma «Ho sempre avuto una grande passione per la scienza, tant’è che alle medie avevo anche realizzato un piccolo libro…»  Il progetto si è trasformato in una serie vera e propria chiamata StratoTube, che ha come obiettivo il portare una videocamera nell’alta atmosfera (più precisamente nella stratofera, circa 20 km più in alto di quanto possano volare gli aerei) grazie ad un grande pallone aerostatico in lattice (pari a circa 1000 palloncini), consentendoci così di poter godere della stessa vista mozzafiato del nostro bellissimo pianeta che solo gli astronauti hanno l’occasione di ammirare. Attraverso un intelligente utilizzo dei palloni aerostatici che sono riempiti di elio o idrogeno e sono in grado di trasportare gruppi di oggetti appunto nello spazio fino ad un’altezza massima in cui l’elevata pressione li fa scoppiare e permette quindi al carico utile (chiamato anche payload) di essere recuperato, il team capitanato da Jonny è riuscito a mettere in atto questo interessante progetto che mostra alcune immagini del nostro paese visto da distanze elevatissime. Ovviamente oltre a videocamera per catturare magnifiche riprese del globo terrestre, è possibile installare nel payload altri strumenti che permettono di ricavare alcuni dati importanti, come ad esempio la temperatura, l’altitudine del pallone e la velocità del suono utili per poter studiare eventuali nuovi video sempre più avanzati.
Insomma, nel mare dei video che è possibile trovare su Youtube, questa settimana vi proponiamo qualcosa di veramente interessante!