Fonte: Relate.org

L’amore e il sesso in età avanzata, tanti i tabù da sfatare

I tabù che circondano la nostra società ancora nel 2021 sono tantissimi. Social Up si è spesso impegnato nel rendere normale il parlare di sessualità, di qualsiasi tipo essa sia. Si ricorda l’articolo sul poliamore. Oggi, però, si vuole fare un salto in avanti, perché se è vero che non dovrebbe mai esistere giudizio che possa condizionare l’orientamento sessuale altrui, è altrettanto vero che l’amore come il sesso non ha età. L’intimità esiste ad ogni fase della vita e non dovrebbe sorprenderci sapere che di essa ne hanno bisogno anche le persone d’età avanzata.

Parliamo, allora, della gioia del sesso in età avanzata

“Let’s Talk The Joy of Later Life Sex” è questo il titolo di una recente campagna di sensibilizzazione sui tabù che vedono protagonisti gli anziani e la loro sessualità. L’iniziativa prende le mosse grazie a Relate, un ente benefico britannico che si occupa proprio di terapia relazionale e consulenza. Relate offre il proprio servizio alle coppie, ai giovani, alle famiglie, insomma a tutti coloro che ne abbiano bisogno senza fare alcun tipo di discriminazione.

Tuttaia, prima di entrare nel merito dell’iniziativa che vede coinvolte cinque coppie anziane, una donna d’età avanzata e un fotografo, è giusto prestare attenzione ad alcuni dati.

Dal sito dell’ente Relate è possibile trovare delle percentuali che ben definiscono la ragione d’esistenza di un’iniziativa del genere. Se si considera, infatti, che il 67% degli over 65 si sente poco, o addirittura, per niente rappresentata nei media dal punto di vista dell’intimità è facile comprendere come ci sia effettivamente un tabù che deve essere combattuto.

La maggior parte delle persone prova imbarazzo a parlare del sesso associato alla vita delle persone d’età avanzata

La cosa che più rattrista è che dato che la sessualità tra gli anziani ricopra, tanto nei vari media, che nelle conversazioni che in generale nella vita sociale delle persone, un alone di mistero, anche i diretti interessati ne parlano poco e niente.

Si inciampa sempre nel solito errore della società, quando un concetto sembra essere percepito come minoritario rispetto ad una maggioranza che parla, invece, apertamente d’altro, quel concetto poco a poco tende a chiudersi in una spirale del silenzio.

Una delle motivazioni a riguardo si può vedere nel pensiero di molti giovani a cui fa impressione sapere che tra i propri nonni esista una vita intima, a volte, tale considerazione vale anche per i propri genitori.

La ragione risiede nel fatto che agli occhi dei nipoti o dei figli, i nonni e i genitori ricoprano un ruolo preciso ed imprescindibile: si è quindi solo nonno e nonna, mamma e papà. Invece, bisognerebbe imparare a distinguere e distinguerci in vari contesti sociali.

Nonno e nonna è vero, sono magari due persone d’età avanzata, ma non per questo smettono di essere amanti

Tra l’altro, ci sono anche coppie di anziani che nel corso della propria vita non hanno mai deciso di essere genitori, e dunque non potrebbero nemmeno essere associati nella categoria di nonni. Eppure, anch’essi fanno fatica ad aver riconosciuta la loro vita sessualità. Non se ne parla, e questo non vuol dire che sia un problema, ma dinanzi alla meraviglia di una coppia anziana che si bacia non si deve neppur, quindi, provar ribrezzo e vergogna.

I toni utilizzati possono sembrare duri, ma è la realtà dei fatti. Motivo per cui, è stato necessario diffondere il messaggio in maniera chiara e decisa. Cercando di mostrare le cose come stanno. Togliere, in qualche modo, l’alone di mistero che purtroppo esiste intorno alla questione, pur mantenendo quella suggestività di cui l’amore, in ogni forma, è ricco.

Let’s Talk The Joy of Later Life Sex, è infatti, un’iniziativa che propone degli scatti in bianco e nero di alcune persone d’età avanzata nelle loro pose più intime

Come rendere più chiaro il concetto se non attraverso delle foto chiare, precise ed efficaci? Come rendere più ammaliante ed intimo il presupposto se non attraverso l’utilizzo del bianco e nero?

Tutte scelte, non casuali, che avevano come unico scopo colpire l’osservatore. Si potrebbe dire che attraverso l’analisi di queste foto arrivi anche uno schiaffo morale, quella giusta dose di consapevolezza che, come al solito, può prendere una duplice direzione.

Da un lato chi, attraverso gli scatti, comprende davvero che la vita sessuale di una persona non termina ai 30 anni, e questo dovrebbe essere da considerarsi come un dato di fatto, e dunque, mera normalità. Dall’altro, come in tutti contesti, lo scettico (e ignorante) di turno che giudica le foto come oscene. La vera oscenità, a giudizio di chi scrive, risiede nel pensiero di chi dinanzi all’amore e alla passione vera vede, al contrario, del marcio.

Il sesso è ancora oggi un tabù vero e proprio. Infatti, c’è chi spinto da un politically correct eccessivo, sostiene che la tv e i media abusino troppo del linguaggio sessuale. Ma, dato che se ne parla troppo, perché si prescinde da un’intimità leggera e spensierata come quella tra persone anziane?

Si ripete, il focus qui non è nel doverne per forza parlare, ma nel “perché non farlo?”. La libera apertura mentale, che spesso tanto si ostenta, non racchiude, però, anche questo tema.

Il fotografo inglese, Rankin, ha ben chiara l’idea di quello che dovrebbe essere la gioia del sesso in età avanzata, e le sue foto parlano per lui

John Rankin Waddell meglio conosciuto dai più come Rankin è un noto fotografo di moda e ritrattista. Nel suo lavoro per Relate ha saputo come evidenziare al meglio i tratti distintivi dell’intimità delle persone raffigurate.

La gioia, il divertimento, la passione, in sintesi l’amore senza limiti né freni. Foto che fanno riflettere e che conservano anche un certo pudore, poiché in fin dei conti esso è un sentimento che contraddistingue l’età dei protagonisti.

Fonte: relate.org

Lo scopo non è, appunto, modificarne l’età: le rughe, i capelli bianchi, sono tratti distintivi delle foto, accentuati anche col contrasto del bianco e nero. L’obiettivo, è invece, descrivere un mondo, che esiste e che viene troppo spesso oscurato, che è quello della sessualità vera e viva anche tra persone che per molti sono da considerare inermi.

Nel sito di Relate è possibile non solo ammirare le foto e le ragioni della campagna, ma anche ascoltare e leggere delle esperienze di vita sessuali dei protagonisti di quest’ultima.

Daphne e Arthur, descrivono l’intimità come ciò che mantiene vivo un rapporto. Difatti, si sa, i primi tempi sono belli per tutti, poi la magia dell’innamoramento passa, ma come dicono loro “intimità è condividere tutto non solo il proprio corpo”.

Lynne e George, raccontano dell’imbarazzo che prova il figlio nel sapere della loro vita sessuale ancora attiva. Il suo parere è quello di molti che non comprendono, che in realtà, proprio perché si è anziani si deve pensare a godere questa parte di vita ancora di più.

Billie e Cora, sostengono che il sesso non abbia nulla a che vedere con l’età, e poi ognuno si sente l’età che vuole, non per forza quella che dimostra. É una questione mentale, bisogna accettare il tutto con più naturalezza.

Mark e Andrew, sono una coppia anziana omosessuale. Consapevoli che la loro comunità è poco rappresentata, anche se lentamente le cose iniziano a cambiare. Prima di essere sposati, sono migliori amici e questa è già un tipo di intimità che colpisce più di altro per loro.

Chrissie e Roger, parlano dei limiti sociali che esistono intorno all’argomento “sesso in età avanzata”. Da un punto di vista di salute bisogna stare più attenti, ad esempio se si è stati operati per qualcosa da poco. Tuttavia, non c’è da sorprendersi se ancora dopo tanti anni due persone hanno voglia di toccarsi in intimità.

Infine, l’esperienza di Margaret. L’intimità con il marito è addirittura cresciuta con gli anni, dato che, finalmente potevano essere per conto proprio, lontano dalle dinamiche familiari, insomma nessuno poteva assolutamente disturbarli e per lei questo era “meraviglioso”.

Negli scatti, come si evince dalle precedenti testimonianze, non viene rappresentato un solo tipo di coppia o di persona.

La storia, l’origine, l’orientamento sessuale è vario. Proprio perché nell’ottica dell’artista la lotta contro le discriminazioni non è unica, e poi Rankin è un fotografo di fama mondiale anche per le tematiche affrontate nei suoi lavori (segue esempio).

Ci sono tanti argomenti che vengono affrontati ammirando la dolcezza dei suoi ritratti, tutti meritevoli di attenzioni, tutti da accettare.

Le parole di Rankin:

Tutti noi abbiamo bisogno dell’intimità, ora più che mai, e l’età è davvero solo un numero. La grandezza dell’amore cambia, nemmeno nei nostri ultimi anni



Giulia Grasso