Fonte: rivista studio

Addio a Yahoo! Answers, ecco le domande e risposte più imbarazzanti della storia

Internet ha rivoluzionato la vita dell’uomo e questo è un dato di fatto. Ha contribuito a renderla più semplice per certi versi, poiché tutto sempre più è riuscito ad essere a portata di click. Tuttavia, è bene specificare che il successo di internet, dei motori di ricerca e anche di tanti social network si deve a delle piattaforme online, che possiamo considerare come delle vere e proprie piazze virtuali. I blog, si sa, hanno fatto la storia del web 2.o, ma niente credo per molti potrà mai sostituire l’efficacia di “botta e risposta” che ha dato negli anni Yahoo Answers.

Lanciato nel 2005, e diffuso in Italia dal 14 giugno 2006, Yahoo! Anserws, si prepara a salutarci definitivamente

Il servizio di domande e risposte più famoso del mondo, dal 20 aprile 2021 sarà solo utilizzabile in modalità lettura, per poi prepararsi ad un addio definitivo a partire dal 4 maggio 2021.

Sono tanti gli utenti che non hanno preso di buon grado la notizia. Yahoo Answers, ha difatti, formato un’intera generazione di giovani, ma anche adulti, che per ogni dilemma di tipo scolastico, accademico, musicale o addirittura consigli di vita, era sempre lì, pronto a fornire una risposta.

Nulla è certo nella vita, ma una risposta a qualsiasi argomento che ci passasse nella testa già presente su Yahoo answers, era qualcosa che andava molto vicino alla certezza.

Infatti, a volte non era neanche necessario porre delle domande, poiché nella maggior parte dei casi qualcuno ci aveva già pensato per noi, rendendo ancora più facile, veloce, e dinamica la consultazione del sito.

Il contesto di web 2.0 in cui Yahoo Answers è nato, nel corso degli anni è cambiato notevolmente. Sono subentrate nuove piattaforme, più adatte ai trend del momento. Tutto ciò, oltre a varie modifiche e problemi tecnici,  hanno contribuito a renderlo obsoleto.

Sono molti gli utenti sui social che stanno mostrando la propria tristezza per il saluto definitivo a Yahoo Answers

Sebbene, siano stati gli utenti stessi ad abbandonarlo progressivamente, c’è chi non si rassegna alla sua “dipartita”. Il sentimento di malinconia e nostalgia che sta dominando sui social network più famosi, non riguarda tanto l’utilità per cui Yahoo Answers è nato, quanto ciò che esso ha creato. Una comunità che lo utilizzava anche per puro piacere, e perché no, anche divertimento.

Infatti, i contenuti di Yahoo non solo a volte diventavano virali, ma addirittura venivano utilizzati come contenuti di alcuni dei meme più famosi. Soprattutto, quando l’argomento aveva a che fare con temi piccanti, o cose da fare durante la gravidanza – da sempre una delle domande più iconiche di Yahoo Answers-. Tutti, dinanzi a quesiti del genere, diventavano improvvisamente esperti (di battute iconiche).

Si può dire che la storia di Yahoo ha persino anticipato l’avvento dei meme veri e propri, giacché dei semplici screen su alcune delle domande più famose ed esilaranti risposte, bastavano per far ridere.

Yahoo Answers come Shazam

Shazam è una delle app più famose per rintracciare immediatamente una canzone di cui non ricordiamo o non conosciamo il titolo. Basta, infatti, far ascoltare a Shazam qualche secondo della melodia della canzone per riconoscerla.

La nuova generazione affezionata a questo genere di app, non sa che già tutto questo era possibile grazie a Yahoo Answers. Come? Al solito domanda e risposta, e anche tanta creatività.

Naturalmente, la piattaforma si occupava solo di domande e risposte scritte, nessun segnale audio come oggi, ma molti utenti cercavano di farsi capire per quanto possibile. Il tutto generando anche molto ilarità semplicemente in una ricerca di una canzone. Era necessario una domanda che iniziasse con “Come si chiama quella canzone che fa…?”, per capire che avresti passato un pomeriggio a ridere.

Su Yahoo Answers, non solo musica ma anche profondi dilemmi esistenziali

Oggi esistono dei gruppi Facebook appositi, dei veri e proprio luoghi d’incontro virtuali in cui cercare il confronto con l’altro sia per questioni banali che per altre di fondamentale importanza.

Ancora una volta, i social network rappresentano il contenitore in cui poter trovare di tutto, togliendo spazio ad altri siti online nati, invece, per un solo obiettivo.

Prima, appunto, non solo esistevano delle piattaforme che prescindevano dai social network, in cui gente da tutte le parti del mondo poteva davvero trovare uno spazio di conforto e confronto anche a distanza, ma addirittura Yahoo Answers era capace anche di svolgere tale funzione.

Le domande sono a volte, abbastanza banali e stupide, eppure attirano ancora oggi un’attenzione mediatica straordinaria. Insomma, è proprio il caso di dirlo, Yahoo Answers nel suo essere oggi obsoleto ha comunque rappresentato ninfa vitale per pagine di intrattenimento come “Commenti memorabili”, nonché una fonte inesauribile di trash, quando ancora il trash non si sapeva neanche che fosse.

C’è ancora qualche giorno prima che il suo archivio venga per sempre eliminato. Yahoo Answers se ne va per sempre e porta con sé un pezzo di storia di internet, e anche dell’adolescenza di molti utenti.

Molti utenti, tra l’altro lo hanno utilizzato anche per le domande più frequenti durante la pandemia. Ciò significa che per un pubblico ristretto, esso rappresentava ancora un punto di riferimento. Per non parlare di tutti gli studenti che si sono affidati al sito per qualunque problema di qualsiasi problema.

C’è infatti chi scrive ancora:

Scusate ma voi italiani come l’avete presa la chiusura di Yahoo Answer ?

E chi risponde:

Propongo una petizione per salvarlo

Yahoo Answers era davvero un toccasana per chi amava rimanere anonimo e fare domande, o risposte anche un po’ imbarazzanti, senza timore di essere giudicati. I social permettono anche l’anonimato, è vero, ma fino ad un certo punto.

Adesso, le risposte ai nostri quesiti saranno comunque presente su internet, in un modo o nell’altro ce la caveremo, ma dovremmo fare a meno della nostra piattaforma di fiducia, che anche se il tipo di risposta non rispettava le nostre aspettative, almeno ci faceva ridere.

Condividete con @socialup_mag le domande e risposte che più avete amato su Yahoo Answers, salviamo qualche ricordo finché si può!



Giulia Grasso