La Beer Epoque, la birra belga si trasforma in sapone

Spesso le idee più originali nascono proprio dalle cose più semplici, che fanno parte della nostra quotidianità. Basta guardare con un occhio diverso e andare oltre l’idea standardizzata che abbiamo di quel qualcosa. È proprio ciò che ha fatto Amy Lam, ritrovatasi costretta in casa come tutti durante il lockdown, ha avuto un’idea imprenditoriale geniale: fondare La Beer Epoque. Unire due elementi fondamentali della tradizione del suo paese, il Belgio, ossia la birra e il sapone. Quest ultimo, in particolare, una sua grande passione, essendosi anche formata nella produzione di saponi in Francia. A questi due, Amy ha aggiunto un terzo elemento simbolo della storia e della tradizione belga, ossia La Belle Epoque, evocata dal packaging dei prodotti.

La Beer Epoque produce nel cuore di Bruxelles saponi in maniera artigianale e soprattutto utilizzando esclusivamente birra made in Belgium, ingrediente fondamentale e distintivo dei suoi prodotti. Amy utilizza diverse tipologie di birra, ognuna con caratteristiche differenti in funzione del prodotto nel quale vengono inserite. Oltre alla birra, anche tutti gli altri ingredienti utilizzati nella produzione provengono da fornitori europei certificati. Particolarmente attenta alla sostenibilità, Amy ha adottato nella gestione della sua piccola azienda il modello del just-in-time. Producendo solo sulla base della domanda, si riducono al minimo gli sprechi. Tutti gli ingredienti utilizzati e i prodotti finiti sono di origine naturale e senza alcun additivo chimico, quindi adatti anche alle pelli più delicate.

La birra utilizzata in cosmetica ha delle inaspettate proprietà benefiche. Il luppolo, il lievito, i sali minerali e gli aminoacidi che compongono la tanto amata bevanda, infatti, rendono i saponi incredibilmente idratanti, nutrienti e purificanti. In particolare, il luppolo, oltre al suo gradevole profumo che ricorda il caramello, ha un effetto astringente, antimicrobico e lenitivo.

Attualmente La Beer Epoque produce tre linee (la quarta è in arrivo). L’Essential E, con birra bionda e burro di karitè, per le pelli più delicate. C’è poi la linea Fruitas, che combina le birre Lambic con frutta come agrumi e ciliegie, adatta alle pelli più secche. Infine, i saponi Sudoral, nelle varianti Day e Night, con birra scura, ideali come post allenamento o al termine di una giornata particolarmente impegnativa. Il prezzo non supera mai i 10 euro, trattandosi di prodotti artigianali e naturali vi consigliamo di prenderli in considerazione, come regalo originale e, perché no, anche per noi stessi. Prendersi cura di se stessi al meglio è fondamentale, non dimenticatelo!

C’è anche un’altra chicca da aggiungere su Amy. La fondatrice de La Beer Epoque, infatti, vanta ben vent’anni di esperienza come sarta. Sul suo sito, oltre ai saponi, potete anche acquistare accessori in tessuto realizzati da lei: custodie da viaggio per i saponi, fasce e guanti esfolianti per il viso e anelli porta asciugamani in corda. Inoltre, c’è la possibilità di richiedere prodotti personalizzati, con ingredienti selezionati da voi, di cui potrete scegliere anche la forma, il colore, le decorazioni e la profumazione. Il risultato sarà una vera opera d’arte di sapone.

Come afferma Ursula Jone Gandini, direttore Italia Ufficio del Turismo di Bruxelles, Amy rappresenta un esempio per tanti giovani imprenditori. Nonostante un’economia mondiale anch’essa debilitata da questa pandemia, provare a rendere realtà le loro idee originali sfruttando un ambiente particolarmente ricettivo e aperto alle start-up come Bruxelles.



Giulia Storani