Frodeno e l'Ironman in casa

Jan Frodeno ha percorso un Ironman senza uscire di casa

La diffusione a livello mondiale del Covid 19 ha reso necessario modificare le nostre abitudini. In molte aree del mondo i governi nazionali hanno vietato qualsiasi attività sportiva all’aperto, anche per gli sportivi professionisti. Tutto ciò non ha però fermato Jan Frodeno.

Jan, una leggenda del mondo dell’Ironman (tre volte vincitore del campionato del mondo e medaglia d’oro nel triathlon a Pechino), ha avuto un’idea singolare per continuare ad allenarsi nonostante i divieti. Frodeno ha voluto unire la sua necessità di allenarsi con una raccolta fondi da destinare all’ospedale di Girona, città in cui risiede. L’obiettivo era quello di raccogliere almeno 100mila euro da donare in beneficenza.

Frodeno ha deciso di completare un Ironman senza uscire dalla sua abitazione. L’Ironman è la gara di triathlon più duro del mondo che consiste nel percorrere 3,8 km a nuoto (in mare), 180 km in bicicletta e 42 km di corsa.

Dopo aver sponsorizzato nei giorni precedenti l’evento, Don’t tri at home, sabato 11 aprile ha completato la sua impresa. Trasmettendo tutta l’impresa in diretta Facebook, l’atleta tedesco ha anche raccolto oltre 180mila euro.

La sua “follia sportiva” è cominciata verso le otto della mattina quando si è tuffato in piscina. Grazie a una speciale struttura, che simula l’effetto della corrente del mare in uno spazio ridotto, Frodeno ha percorso i primi 3,8 della giornata.

Jan Frodeno in piscina
Fonte RSI

Dopo soli 50 minuti, è salito con la sua bicicletta sui rulli per completare i 180 km della seconda frazione. Per alleggerire la monotonia della lunga attività fisica i segmenti di corsa e bici erano simulati anche nel video del popolare software di allenamento Zwift, che ricreava l’andamento di una vera e propria gara virtuale, permettendo anche ai fan più allenati di “gareggiare” con lui.

Nel corso di tutta la diretta molti ospiti hanno tenuto compagnia al triatleta e ai suoi fan tramite delle videochiamate. Sono intervenuti, tra i tanti, l’ex ciclista Fabian Cancellara, il calciatore tedesco Mario Gotze, Boris Becker e Felix Neureuther.

Frodeno in compagnia di Gotze. Da Rsi

Jan è poi passato all’ultima frazione: 42 chilometri di corsa per completare la sua impresa. Ha completato la maratona in poco meno di tre ore. Così, dopo 8 ore e 33 minuti, ha completato il suo originalissimo Ironman.

Senza dubbio Jan Frodeno è un’atleta eccezionale, ma in questo caso ha dimostrato di avere anche una forza di volontà fuori dal comune. La sua grande motivazione gli ha permesso di completare uno sforzo fisico così intenso senza neppure uscire di casa, ma sopratutto raccogliere dei fondi da destinare alle strutture ospedaliere in questo momento di difficoltà.



Tommaso Pirovano