“Jackie” e l’Oscar possibile per Natalie Portman

In social up, SPETTACOLO by Sandy SciutoLeave a Comment

Nell’attesa di conoscere i nomi e i films che si aggiudicheranno l’Oscar 2017, arriva il 23 febbraio nei cinema italiani “Jackie”, film del regista cileno Pablo Larraín, scritto da Noah Oppenheim.

Il film è biografico in quanto racconta i quattro giorni successivi all’omicidio del presidente Kennedy, avvenuto a Dallas nel 1963, della First Lady Jacqueline Kennedy, interpretata magistralmente da Natalie Portman.

Il film è strutturato attorno a un’intervista apparsa su LIFE magazine, di Theodore H. White, tra flashback e un ritorno, da vedova, alla White House, fino alla sepoltura all’Arlington Cemetery del marito. Di certo, la nazionalità cilena del regista ha garantito una trasposizione cinematografica imparziale e oggettiva della figura di Jackie, lontana dal dovere rendere omaggio alla storia americana.

Il regista ha scelto di raccontare la First Lady Kennedy con intensi primi piani e lunghi piani sequenza, non servendosi di filmati storici ma ricreando sia il momento dell’assassinio, sia l’intervista alla Casa bianca, sia i funerali. Appare estremamente chiara la volontà di far scorgere la persona oltre il “personaggio Jackie”; come se la Jacqueline Kennedy che il mondo ha conosciuto e che ancora osanna e ricorda per la sua incomparabile bellezza e per classe e buongusto fosse solo cosa gli americani e il mondo intero si aspettava di vedere da una First Lady e non ciò che Jackie Bouvier – nome da celibe – era realmente.

L’attrice Natalie Portman si è calata nei panni di Jackie precisando che “Jacqueline Kennedy era una specie di manichino per molte persone. Io non volevo imitarla o somigliarle per forza, come fossi un’ombra di una sua foto d’epoca. Io cercavo l’illusione”. E la Portman è riuscita benissimo nel suo intento a tal punto da ricevere la candidatura all’Oscar 2017 come miglior attrice. Una candidatura decisamente meritata. La Jackie della Portman convince, rapisce ed emoziona. Il lavoro di immedesimazione è evidente e, visto in lingua originale, spicca l’innegabile bravura dell’attrice.

A ciò si aggiunga un plauso per la cura dei costumi a Madeline Fontaine, candidata anch’ella agli Oscar 2017 nella categoria Migliori costumi, e alla scelta della colonna sonora di Mica Levi, candidata nella categoria miglior colonna sonora degli Oscar 2017.

Gli ingredienti per un film bello e intenso ci sono tutti e non si esclude la possibilità che la Portman porti a casa un altro Oscar, dopo quello per il Cigno nero del 2011. Io ci spero!

About the Author
Sandy Sciuto

Sandy Sciuto

Facebook Twitter Instagram LinkedIn

Praticante Avvocato del Foro di Catania. Nata il 4 marzo come Lucio Dalla e mancina come Mozart, Steve Jobs e Leonardo Da Vinci. Amante del bello e della mia Sicilia che non smetto mai di scoprire e di fotografare. Sono una serie tv dipendente e una cinefila dell'ultim'ora. Divoro libri da quando lessi "Storia di una capinera" durante l'estate del '97 e, ad oggi, preferisco Pirandello e Camilleri a qualsiasi storia su maghi, draghi o roba simile.

Loading...