Intervista alla band Dinamika: il nuovo singolo si intitola “Amore brutale”

I Dinamika sono una band nata quasi per gioco ma con una proposta musicale davvero originale. Il gruppo si compone di Nicolas Profazio alla voce, Chiara Cicchirillo al basso, Stefano Attuario alla chitarra ritmica, Gennaro Pisacane alla batteria e Roberto Golfieri alla chitarra solista. In occasione dell’uscita del singolo “Amore Brutale” abbiamo avuto la possibilità di scambiare quattro chiacchiere con Roberto Golfieri. Dall’intervista sono emersi dettagli davvero interessanti rispetto alla gestione del gruppo e alla creazione dei nuovi pezzi. Non perdetevi l’occasione di conoscere questo gruppo davvero adrenalinico.

Come vi siete conosciuti e quando siete diventati una band?

Ci siamo conosciuti nel 2015 attraverso il nostro parrucchiere di fiducia, Rocco. Nel suo negozio teneva una batteria che solitamente usava tra un taglio e l’altro, ed è stato come un invito a suonare, iniziato così, per gioco. Poi ci siamo incontrati in sala prove per conoscerci personalmente e musicalmente, dando origine ad una prima formazione della band. Nel 2018 per motivi personali, 2 membri lasciano la band, e fanno il loro ingresso Stefano Attuario e Chiara Cicchirillo, dando origine a quella che ora è la formazione attuale della band Dinamika.

Qual è il significato del vostro nome? Come nasce?

Il nome Dinamika deriva da quello che in musica si definisce “la graduale intensità dei suoni ai fini dell’espressività nell’esecuzione” e nasce proprio durante le prove, dalla necessità di creare dinamiche, sfumature ed espressioni per i brani. Il nome Dinamika viene poi definitivamente scelto in un Irish pub davanti ad una bella birra in una delle nostre riunioni.

 

 

Nel vostro nuovo singolo Amore Brutale cantate “La notte rende tutto più chiaro”, secondo voi perché le ore di buio hanno questo potere?

“La notte rende tutto più chiaro” è una metafora dove vi è una presa di coscienza con se stessi e con il mondo esterno. Il protagonista vuole mettersi davanti allo specchio e guardare attraverso il suo io, un momento di riflessione sia all’ interno della coppia che con il mondo esterno. Amore brutale ha un duplice significato, rimanda a come ci si relazione all’interno della coppia ma fa riferimento anche al proprio io interiore. Scritta nel periodo del lockdown, mette a nudo quella solitudine interiore che pone delle domande, ti costringe a capire te stesso in un momento di chiusura con il mondo esterno come appunto è stato quello della quarantena.

Amore Brutale è una canzone su un amore finito, è un’esperienza autobiografica di qualche componente del gruppo?

No, non è autobiografica per nessun componente della band

Come gestite le dinamiche di gruppo? Ci sono momenti di tensione tra di voi o andate sempre d’accordo? Come risolvete gli eventuali problemi?

Tutto l’aspetto del marketing e delle pubbliche relazioni viene gestito da Stefano. Gli autori dei brani sono Stefano, Nicolas e Roberto, mentre Gennaro si occupa della parte amministrativa. Momenti di tensione non sono certo mancati, ma c’è sempre stata una risoluzione dei problemi rendendo ancora più forte la band. Quando si presenta una difficoltà di qualsiasi genere, solitamente se ne discute fuori dalla sala prove, attorno ad un tavolo, parlando e chiarendosi, sempre con rispetto e da persone mature come siamo.

In qualche luogo vorreste suonare un giorno?

Per noi ogni palco piccolo o grande che sia è sempre molto importante, fonte di energia per poter dare il massimo e poter esprimere al meglio la nostra musica. Sicuramente suonare davanti a molta gente come in uno stadio o un grande evento, è il posto cui la band ambisce.

Quali sono i vostri progetti futuri?

Lavorare sui nuovi singoli che abbiamo in “cantiere” e che non vediamo l’ora di farveli sentire. Saremo presenti anche quest’ anno per la 35° edizione del SanremoRock festival, che si terrà la prima settimana di settembre.



Eleonora Corso