Intervista a Mimmo Modem: l’ironia certa nell’incertezza

In queste settimane di quarantena il web è letteralmente impazzito, un po’ per noia, ma anche per provare a strappare un sorriso nell’incertezza. La “produzione” di meme e videomeme è letteralmente esplosa, inondando qualsiasi tipologia di social (tranne il noioso e serioso Linkedln).

Agli onori della cronaca social è salita una pagina, specializzata nel montaggio video, capace di far arrivare i propri contenuti originali addirittura in tv, precisamente nella classifica social di Propaganda Live su LA7 di Diego Banchi e Marco “Makkox” D’Ambrosio. Stiamo parlando di Mimmo Modem!

Abbiamo avuto la fortuna di fargli qualche domanda e conoscerli meglio, provando a comprendere a pieno da dove arrivino i loro fantastici lavori. Buona lettura!

Come nasce Mimmo Modem? Chi c’è dietro? E soprattutto da dove arriva il nome?

Mimmo Modem nasce dal desiderio di far divertire quotidianamente gente in tutta Italia usando a nostro vantaggio la malattia mentale che ci contraddistingue da anni.
Dietro la pagina ci sono 7 figli di Mimmo: Michele Di Croce, Antonio la Torre, Antonio Iannelli, Paolo Bruzzo, Luca Granata, Ciro Gargiulo ed Angelo Tramaloni, conosciuti rispettivamente come Dix, Kapa, Shouna, PPPol, MoMox, Ktm e Trama.
L’origine del nome della pagina arriva semplicemente da Modem Mimmo al contrario.

Il vostro marchio distintivo è la creazione di video-meme preparati in maniera magistrale. Da dove arrivano le idee per i vostri fantastici abbinamenti?

Le nostre idee arrivano di solito come lampi improvvisi guardando semplicemente i post di giorno in giorno che girano in rete. Di solito i colpi di genio arrivano tra le 15:23 e le 16:44.

 

View this post on Instagram

 

Di Luca Gramignano dal nostro gruppo degli incroci I fatti di Mimmo – – – #mimmomodem #justaggthings #nonsense

A post shared by Mimmo Modem ® (@mimmo.modem) on


Gran parte del merito va dato anche alla nostra community del gruppo I fatti di Mimmo, che ha la possibilità di creare e pubblicare contenuti che, in base al successo nel gruppo, possono finire successivamente in pagina con relativa menzione.

Qual è il processo che porta alla generazione di un vostro contenuto? Che tipo di studi o ricerche ci sono dietro?

Innanzitutto bisogna accendere il computer e fissare il desktop per circa 47/48 ore. Successivamente bisogna attingere a tutti gli anni di visione di tv trash italiana. Ovviamente tutti noi admin, per poter creare contenuti validi, abbiamo maturato una conoscenza tecnica nel montaggio video nel corso degli anni. Inoltre ogni admin ha accumulato nel tempo esperienza nella gestione delle pagine social.

Il vostro video di Giuseppe Conte in versione Charlize Theron è stato rimbalzato ovunque sul web, fino ad arrivare sul megaschermo di Propaganda Live. Che soddisfazione si prova ad aver fatto ridere un maestro dell’ironia grafica come Makkox?

Non ci aspettavamo assolutamente di arrivare sulla tv nazionale. Siamo rimasti decisamente sorpresi quando in tantissimi quella sera ci hanno segnalato il video della puntata.

 

View this post on Instagram

 

Ecco anche il video della puntata in cui siamo andati in onda – – #minmomodem #propagandalive #propagandatop

A post shared by Mimmo Modem ® (@mimmo.modem) on

Rivedere il video in tv e vedere Makkox e Diego Bianchi decisamente divertiti ci ha dato una grande soddisfazione e ci ha fatto capire che ciò che facciamo riesce a far sorridere tanta gente in tutta Italia e questo, soprattutto in questo periodo difficile, non può che renderci felici e orgogliosi.

In che modo riuscite a creare contenuti sempre originali senza mai cadere nel banale? E’ qualcosa che vi viene quasi in modo “naturale”?

Dietro quella che può sembrare una bacheca sempre divertente e originale, si nasconde in realtà una lunga serie di progetti scartati internamente dagli admin. Abbiamo tante idee e ovviamente solo le migliori le mandiamo in pagina. A volte usiamo anche il gruppo per testare dei contenuti che magari ci convincono meno. Ciò che dall’esterno può sembrare quasi “naturale”, lo è per noi perché, come detto in precedenza, abbiamo seri problemi.

Nella creazione dei vostri contenuti vi sentite più legati alla cultura pop italiana o a quella di derivazione anglosassone? Quale tipo di “trash” considerate più autentico?

Onestamente la nostra preferenza tende verso la cultura pop italiana, però capita sempre più spesso di attingere a contenuti provenienti dal resto del mondo e anche oltre. Ognuno di noi admin ha una visione diversa del trash autentico, ed è un bene perché questo ci permette di fare contenuti diversi tra noi.

Da quanto tempo siete attivi nel montaggio video? Che metodologia utilizzate?

In media ogni admin ha almeno 3 anni di esperienza nel montaggio video e grafica in generale. Per i video utilizziamo programmi tipo Premiere e Vegas, invece per le immagini usiamo Photoshop e WinRar.

Come declinate il concetto di satira social ai tempi del Coronavirus?

In questo periodo molto difficile per tutti, la satira social, seppur a tratti pungente, aiuta tutti quelli a casa ad affrontare con un sorriso ogni giornata.

 

View this post on Instagram

 

-Dix (@michele.di.croce ) – – – #mimmomodem #nonsense

A post shared by Mimmo Modem ® (@mimmo.modem) on

Noi per questo abbiamo aumentato la frequenza di contenuti giornalieri proprio per provare a far sorridere chiunque.
Purtroppo non possiamo fare altro ma magari per qualcuno è tanto.



Paride Rossi