Intervista a La Camba: “Una canzone ha bisogno di autenticità!”

La Camba si è rivelata negli anni un pilastro della musica italiana, con più di 10 milioni di copie vendute, numeri legati ai brani che l’artista ha firmato per se stessa e per altri grandi artisti come Alessandra Amoroso, Emma, Annalisa, Elodie, Laura Pausini, Luca Carboni, Nek, e Marco Masini. Un successo tutto al femminile, che trova conferme con il nuovo singolo “Qui e ora”, alla continua ricerca di una indipendenza emblema della donna che fa arte! Lei scrive musica e parole, produce, canta e usa tutto ciò per esprimere la sua forza di donna e di artista.

Un nuovo straordinario appuntamento attende La Camba che, dopo la partecipazione in veste di giudice speciale ad Amici di Maria De Filippie il live al “Barone Rosso” di Red Ronnie, si esibirà, venerdì 22 gennaio, a Radio Italia Live con il grande amico cantautore Marco Masini e noi non potevamo farci sfuggire l’opportunità di intervistarla.

 

“Qui e ora” è il tuo nuovo singolo in cui inviti all’amore per se stessi e a non mollare in un periodo come la pandemia. Come hai reagito a questo periodo che stiamo attraversando?

Con una forza e una determinazione che non pensavo di avere. Il mondo in un fermo immagine silenzioso e io che con una chitarra faccio il mio salvifico e resiliente rumore. Ho chiuso gli occhi e ho smesso di pensare. Bisogna iniziare a sentire, sentirsi.

Il video di “Qui e ora” ha riscosso un grande successo sin da subito. Secondo te quali sono i motivi per cui è stato così apprezzato?

Credo che mandare un segnale di lotta buona alle “intemperie quotidiane”, indossare guantoni e sorriso e non perdere la propria femminilità dimostrando forza e coraggio, siano stati uno stimolo di cui la gente forse aveva bisogno. E sono davvero lusingata di come il mio messaggio sia arrivato a destinazione, se anche solo ho smosso un pò di consapevole energia vitale, questa canzone ha fatto il suo dovere!

Il tuo “debutto” nella musica è avvenuto dapprima come autrice. Tante canzoni che cantiamo da anni portano la tua firma. Di cosa ha bisogno una canzone per nascere e rimanere nel tempo?

Di autenticità. Spesso mi sono domandata se fosse giusto essere davvero tanto personale nel raccontarmi così intimamente nelle mie canzoni, poi ho capito che solo quando parli di qualcosa in modo autentico e appassionato, quella cosa diventa universale. Tutti possiamo ritrovarci in una vera emozione.

Cosa ti piace del panorama musicale italiano? C’è qualcuno con cui lavoreresti?

Mi piace la freschezza con cui ci si sta approcciando alla musica attuale. Laddove non è strumentalizzata e/o gratuita. Mi piace che si è perso il cattivo uso di infiocchettare la realtà in bella copia per scrivere una canzone, mi piace che sia tutto più realistico, quotidiano, meravigliosamente sporco di vita vera. Collaborerei, e magari lo sto già facendo;), con qualcuno di molto lontano dalle mie “abitudini ispirative”, ho voglia di esplorare cosa può uscire da un crossover, una musica nuova o che si sente tale…

“Qui e ora” è un ulteriore passo verso un tuo nuovo progetto discografico?

Si, certo! Sto lavorando al mio terzo album che avrà come filo conduttore l’urgenza, appunto, di autenticità.

Su cosa stai lavorando in questo periodo?

Disco a parte, che mi vede quotidianamente in studio, sto scrivendo tanto e immagazzinando idee per un futuro tour, in cui finalmente tornare a cantare dal vivo. Mi manca tantissimo questa sfera di scambio empatico.



Sandy Sciuto