©V.jpg

In anteprima il video di Rugo “Formiche”, secondo singolo estratto da LP “Affondo”

In anteprima il video di Rugo “Formiche”, secondo singolo estratto dall’album “Affondo” disponibile in tutte le piattaforme digitali dal 11 maggio 2021.

Rugo inizia a scrivere nel 2016, all’improvviso, senza avvertire nessuno, neanche se stesso. Spinto dalla
curiosità di sapere come le piccole cose della vita, che da sempre attirano la sua attenzione, siano percepite dagli altri, attuando così inconsapevolmente, quello che diventa un allontanamento dai propri pensieri.

Il 5 Maggio 2020 esce “Nuvola”, un brano scritto in quarantena, registrato in casa. Nato a Pisa, dopo aver vissuto a Firenze il suo periodo universitario, torna a Lucca e in una vecchia casa continua a scrivere, di getto, con una scrittura sempre più diretta ma discontinua nel tempo.

Dalla raccolta dei pezzi, nati da flussi di coscienza, scopre che sono tutti fondamentalmente legati e si trova così davanti ad “Affondo”, un album che ha il sapore di un incontro di scherma: faccia a faccia con il tema dell’abbandono, causato e subito, sentimentale e fisico, reale o immaginato. Registra l’album al 360 Music Factory di Livorno, in co-produzione con Andrea Pachetti e Ciulla.

“L’album racchiude nove canzoni scritte durante anni ricchi di cambiamenti. Il ritorno da Firenze dopo il periodo universitario, il trasferimento a Lucca in una casa piena di ricordi, persone ritrovate ed altre lasciate andare, sono esperienze che confluiscono, non sempre in modo autobiografico, all’interno di “Affondo”, un album che si muove lungo un unico filo conduttore che si palesa, sorprendendo lo stesso autore, solo dopo un’analisi complessiva del progetto: sembra di partecipare ad un incontro di scherma,
faccia a faccia con il proprio avversario, l’abbandono. Che sia causato o subito, sentimentale o fisico, reale o immaginato, l’abbandono viene analizzato in diverse sue forme, riuscendo in alcuni casi a mostrarsi anche come qualcosa di positivo. A volte mi sembra di affogare ed è in quel momento che cerco di contrattaccare con il mio Affondo”.

Il videoclip di “Formiche” è la prima parte di un progetto più ampio che ha il titolo dell’album, “Affondo”. Il concept del progetto va nella direzione di una narrazione più cinematografica, i due videoclip, seguendo le anime delle due canzoni, sono molto diversi tra loro ma si completano a vicenda. Formiche essendo la prima parte mette le basi del racconto seminando questo rapporto idilliaco interrotto sul nascere. Come tutti i ricordi belli, quel primo amore rimane perfetto diventando un paragone impossibile per tutti i rapporti successivi.
“Formiche è stata scritta nella casa in cui abito, per la ragazza che ci ha abitato prima di me, che vedeva
insetti sparsi in tutte le stanze e perciò credevo matta. La prima cosa che ho dovuto affrontare una volta arrivato qua è stata disinfestare il piano terra e di conseguenza chiedere scusa”.

Nel 2016 si presenta con l’EP “Panta Rei”, un concept di brani concatenati tra loro da una trama nascosta “tra le righe”. Sempre nel 2016 partecipa alla creazione del mediometraggio “Alba”, prodotto da The Hat production, con due colonne sonore: L’Asfalto e Teseo.

Nel 2017 la canzone “Co(i)librì” dell’EP “Panta Rei” viene scelta come colonna sonora dall’associazione 120g per il film “Tuscanyness”.

Rugo propone sonorità pop italiane, con attitudine naif. Nulla è come appare e l’attenzione alle piccole cose diventa chiave di lettura per un’altra realtà, tutto attraverso quella che lui stesso definisce la “Muzic Italien”.



Claudia Ruiz