Credits: Gazzetta dello Sport

Il Premier Conte annuncia il Decreto Rilancio: ecco cosa prevede

In serata si è finalmente concluso il Consiglio dei Ministri, iniziato nel pomeriggio, per la stesura dell’atteso Decreto Legge Rilancio. Il Governo con il decreto, che punta a far ripartire l’Italia a pieno nella seconda metà della Fase 2, hanno messo sul tavolo risorse per un valore di 55 miliardi di euro.

La misura arriva, ha spiegato il Premier Conte in conferenza, per rispondere alle richieste di aiuto di tutto il mondo produttivo e delle famiglie italiane. Il decreto prevede il potenziamento della cassa integrazione in deroga e del bonus dedicato alle partite IVA, con il potenziamento delle loro erogazioni, per un totale di 25 miliardi di euro dedicati ai lavoratori.

Il premier ha annunciato che l’erogazione dei nuovi 600 euro avverrà subito, poiché dedicati a coloro che ne hanno già usufruito, già registrati al servizio dedicato INPS. Saranno previste anche integrazione di ristoro di almeno 1000 euro.

Sarà introdotto un reddito di emergenza per le categorie più in difficoltà, le cui metodologie di introduzione sono ancora allo studio dei tecnici.

Credits: Interris

Per le famiglie con con ISEE fino a 15.000 euro sarà previsto un supporto tra i 400 e gli 800 euro. Inoltre, sarà previsto il rinnovo dei congedi parentali fino a 30 giorni nel settore privato e del bonus baby-sitter.

Per le varie imprese sono stati previsti 16 miliardi di incentivi sotto varie forme, attraverso indennizzi a fondo perduto per le piccole imprese, taglio delle tasse per le imprese di circa 4 miliardi e rinviando tutti gli adempimenti fiscali a settembre.

Il mercato edile sarà sostenuto con l’introduzione di un super bonus dedicato alla ristrutturazione delle case. Per la scuola, invece, sono stati previsti circa 1,5 miliardi per potenziare la digitalizzazione e per favorire il ritorno in sicurezza a settembre. Sarà introdotto anche il bonus vacanze pari a 500 euro.

Saranno assunti 16.000 nuovi insegnanti, come anche 4.000 nuovi ricercatori, favorendone il rientro dall’estero. Interventi di supporto previsti anche per il mondo artistico.



redazione