Il naso si allunga quando diciamo una bugia? No, si riscalda!

Che le bugie abbiano le gambe corte ormai è certo, ma il naso? Possiamo fidarci di Pinocchio e di come il suo naso si allungava appena diceva una bugia? Secondo una ricerca, il nostro naso quando diciamo bugie non si comporta come quello di Pinocchio, ma succede un’altra cosa molto caratteristica e particolare.
È stato infatti provato che mentire fa scaldare la zona intorno al naso e quella corrispondente all’angolo interno degli occhi. Questa è la conclusione a cui sono arrivati due ricercatori dell’università di Granada che hanno basato i loro studi sulla ricerca psicologica con una tecnica particolare di termografia. Con questa tecnica, che rivela la temperatura corporea, maggiore è la temperatura di una parte del corpo, maggiore è la quantità di radiazioni che le telecamere termiche catturano. E proprio grazie a questa tecnica si è potuto dimostrare che ai soggetti che dicevano bugie si alzava la temperatura del naso e dei muscoli attorno agli occhi.
Tutto questo è legato ad una parte della nostra corteccia cerebrale, l’insula, che in parte controlla la regolazione della temperatura corporea e si attiverebbe quando esprimiamo i nostri veri sentimenti.
Quanto più l’insula è in attività, tanto più autentici saranno i sentimenti espressi da una persona, minore sarà la variazione di temperatura. E ovviamente vale anche il contrario, ovvero, quando diciamo qualcosa di non veritiero, l’insula sarà poco attiva e di conseguenza ci sarà una maggiore variazione della temperatura. Ecco perché il nostro naso diventa sempre più caldo mentre diciamo una bugia a qualcuno.



redazione