Il corso sulla felicità dell’Università di Yale è ora online e soprattutto gratis!

Il Mondo è pieno di Università prestigiose che tutti abbiamo sentito nominare o che conosciamo per sentito dire. Quelle estere, come le americane  e le inglesi, sono tra le più famose, con corsi letteralmente inaccessibili ai più. Spesso per la lontananza geografica, per le tasse altissime o per i requisiti di accesso.

Ma si può insegnare la felicità? La prestigiosiosissima Yale University, di New Haven, nel Connecticut, ha deciso di rendere accessibile on line – e completamente free – uno dei corsi più frequentati dell’Ateneo, conosciuto come “Lezioni di felicità” e tenuto dalla professoressa  di psicologia e scienze cognitive Laurie Santos. Ogni semestre, circa 1.200 studenti decidono di frequentare le lezioni della Santos. Il numero, che può banalmente sembrare piccolo, è in realtà elevatissimo: più di un quarto di tutti gli studenti di Yale si scrive a questo corso!

E’ ad oggi il corso più popolare di tutti i 317 anni della storia di Yale, superando il precedente “Psycology and the Law”. Tutto era incominciato dalla richiesta, fatta da una parte degli studenti di Yale, di assistenza psicologica per ansia e stress, ma soprattutto per infelicità. Così era nato “Psycology and the Law”, che però aveva raggiunto “solamente” – si fa per dire – 600 iscritti. Poi è arrivato il corso della Santos e, visto l’importante successo avuto, la professoressa ha deciso di prepare una “home version” del corso, che ha caricato su Coursera, piattaforma di e-learning dove si possono trovare vari corsi universitari.

Il corso consiste in consigli, prettamente pratici, che vengono forniti agli studenti su come scegliere una carriera soddisfacente e come distinguere tra attività che si amano e quelle prive di significato. La Santos ha affermato: “Le nostre intuizioni su cosa fare per essere felici sono spesso errarte… Questo è un momento storico in cui stiamo svolgendo una ricerca rigorosa sulla psicologia positiva: ciò che ci rende felici ma anche ciò che ci provoca cambiamenti comportamentali”.

Il corso ha lo scopo di aiutarci a modificare il nostro approccio alla vita, a modificare idee e schemi mentali che ci siamo prefissati all’interno della nostra testa, e che spesso compromettono la nostra felicità ed il raggiungimento di questa.  Bisogna comunque tener presente che il corso non è certo più semplice di quello frequentato dagli studenti di Yale: dal momento dell’iscrizione del corso, lo studente ha a disposizione 180 giorni che per completarlo, compresi i test finali. Inoltre, sostenendo una spesa di 40 euro, si può ottenere un vero e proprio diploma di frequenza, da poter inserire nel proprio curriculum.

Sicuramente un’occasione da non perdere e non solo per il prestigio dell’Università che offre il corso, ma per la sua tipologia, per il suo scopo di poter migliorare in maniera reale la vita delle persone, come si auspica la professoressa Santos nella presentazione del corso. A questo punto non rimane che trovare un pò di tempo ed andare su Coursera!



Sharon Santarelli