I numeri più interessanti della Serie A
da-CalcioNews24

I numeri più interessanti della Serie A dopo 10 giornate

Dato che abbiamo da poco superato la decima giornata di campionato ecco alcuni dei numeri più interessanti della Serie A.

La classifica la conosciamo più o meno tutti, ma in ogni caso ecco il recap.

I dati provengono da Fbref e non sono mancate le sorprese.

Gol fatti e subiti

Alla 10° giornata di campionato il miglior attacco è quello dell’Inter con 26 reti segnate mentre la miglior difesa è quella del Napoli, con solo 3 reti subite. Incrociando i dati delle due classifiche la squadra con il miglior piazzamento (secondo in entrambe) è il Milan con 23 reti segnate e 9 subite. Situazione opposta, in negativo, per il Venezia, autore di sole 8 reti, mentre lo Spezia ne ha subite ben 23. Speculare al Milan c’è la Salernitana con 10 reti fatte e 22 subite. Da questi dati è facile dedurre come la squadra con la miglior differenza reti sia il Napoli (+19) mentre la peggiore la Salernitana (-12).

I gol previsti

Tramite l’analisi dei dati di ogni singola partita è possibile stabilire un’ipotetica cifra di gol che la squadra potrebbe segnare basandosi sulle caratteristiche dei tiri (posizione, tipologia…), i cosiddetti Expected Goals (xG). Ovviamente sono solo delle previsioni, ma indicano in modo affidabile la possibile produzione offensiva di un club. In questo caso la classifica è comandata dall’Inter (19,8) e chiusa dal Venezia (9.3). Si può così osservare come questi numeri si avvicinino molto alla realtà: la squadra nerazzurra ha segnato 21 gol mentre i lagunari 8.

Spettatori

Altri numeri interessanti della Serie A sono quelli dedicati alla presenza del pubblico. In una stagione ancora limitata dalle restrizioni causa Covid le sorprese non mancano anche se ovviamente la classifica riflette la capienza degli stadi. Se prevedibilmente la graduatoria è guidata dai campioni d’Italia (quasi 39mila tifosi a partita) e chiusa dall’Empoli (circa 5mila). Se nelle prime posizioni sono presenti in ordine sparso tutte le “sette” sorelle (tranne l’Atalanta, parecchio distanziata dalle big), casi straordinari sono la Salernitana e il Genoa. Le due squadre ora in lotta per non retrocedere sono ben sostenute dal proprio pubblico (tra 11-12mila tifosi a partita). Il caso del Genoa è ancora più eclatante se si confronta con i “cugini” della Sampdoria, sostenuti da 6mila spettatori.

Portiere

Se ben tre squadre non sono mai riuscite a tenere la porta inviolata (Spezia, Genoa e Cagliari) il portiere che in assoluto ha mantenuto più volte la porta inviolata è stato David Ospina (6 volte su 8 presenze). Il giocatore con più parate effettuate è Emil Audero con 34 su 52 tiri in porta subiti, numeri simili anche per Sirigu, Belec e Vicario.

Gol e assist

Il giocatore in testa alla classifica dei cannonieri è Immobile con 8 reti, tallonato da Dzeko. Il bosniaco però non ha calciato nessun calcio di rigore a differenza dell’italiano. Il podio è completato da Destro, Joao Pedro e Simeone con 6 marcature a testa. Barella è il giocatore che ha effettuato più assist, uno ogni due partite. Se però condensiamo le due classifiche, il miglior giocatore risulta essere, per distacco, Immobile con anche due assist effettuati.

Cartellini

Il Venezia ha ricevuto più cartellini gialli (34), mentre Napoli, Spezia e Milan esattamente la metà chiudono la classifica. Il Bologna conta già 4 espulsi mentre sono diverse le squadre ancora a quota zero. La squadra più fallosa è il Torino con 192 falli fischiati, quella più corretta il Napoli con 113, seguita a poca distanza da Bologna e Spezia. Il Genoa è il club che ha subìto più falli (150), mentre i granata solo 108. Thorsby è il giocatore più ammonito con 6 cartellini gialli, mentre Soriano ne ha già ricevuti 2 rossi.

Numeri sparsi

Non potevano mancare tra i numeri più interessanti della Serie A alcune curiosità. Tonali e Verde hanno effettuato più tunnel (4), Felipe Anderson ha dribblato ben 29 giocatori. Sono 4 i giocatori che quando sono scesi in campo non hanno mai perso: Calabria, Krunic e Giroud (Milan) e Manolas (Napoli). In questa prima parte di stagione Simeone si è trasformato in un cecchino: praticamente più di un gol ogni due tiri (rapporto gol/tiri 0,55). Antonio Candreva ha già battuto 37 calci d’angolo, mentre Stojanovic ha effettuato 97 rimesse in gioco. Fabian Ruiz e Di Lorenzo hanno toccato 852 palloni. El Shaarawy è il giocatore che è subentrato più volte: 9, giocando quasi 300 minuti. Sono ben 20 i giocatori che non hanno ancora perso un minuto. Oltre ai prevedibili portieri sono 9 i giocatori di movimento: Koulibaly, Marin, Ferrari, Yoshida, Mancini, Becao, Ceccaroni, Nikolaou e Di Lorenzo.



Tommaso Pirovano