I fantasmi del volo 401 della Eastern Airlines

Una storia che ha dell’incredibile, una tragedia con dei risvolti spettrali. Ecco cosa accadde al volo 401.

Bob Loft, fu il comandante del volo 401 della Eastern AirLines decollato a New York, con destinazione Miami nel 1972. A poche ore dal decollo l’aereo per cause misteriose precipitò portandosi via con se circa 100 persone, compresi il motorista Repo e il pilota Loft.  Dopo anni si arrivò alla conclusione che il disastro fu dovuto sia alla scarsa manutenzione, che ad un errore del pilota.

Quando l’inchiesta fu conclusa e il caso archiviato, i vari pezzi dell’areo del volo 401, ancora intatti, furono usati su altri veicoli.

A mesi dall’evento i piloti di tale compagnia cominciarono a lamentarsi di alcune anomalie che avvenivano durante i voli. Le dichiarazioni riportavano la presenza di una voce cupa e l’apparizione sui veicoli del fantasma del comandante Loft e del motirista Repo. La cabina di pilotaggio era sempre fredda e si avea spesso la sensazione di non essere soli, anche se lo si era. Quando un motorista fece indagini sull’aereo 318, notò e riconobbe subito una “forma” che ricordava il suo collega Repo, in uniforme, il quale gli disse di star tranquillo perchè aveva già eseguito lui i controlli e l’aereo era in ottimo stato.

Anche due piloti e due assistenti di volo videro la figura di Repo e Loft attraverso il verso della cambusa, per poi sparire quando questa venne aperta. Con la sparizione di oggetti in cabina ed altri avvenimenti, il personale decise di non parlare più di tale evento.

Le coincidenze vogliono che l’aereo 318 possedeva i pezzi dell’aereo numerato 410, che cadde anni prima; inutile dire che la notizia sconvolse tutti. Forse l’apparizione di questi fantasmi era solo la dimostrazione del senso di colpa che colse i due uomini per aver spezzato così tante vite innocenti.

Voi avete mai volato con questa compagnia e meglio ancora con questo volo? Avete notato qualcosa di particolare?



redazione