Harry Potter e la maledizione dell’erede e i rumor che fanno sperare in un film

Il mondo è in profondo visibilio e chiede di sapere la verità: Harry Potter e la maledizione dell’erede diventerà pellicola cinematografica o no?

Negli ultimi giorni la rete si è riempita di notizie e immagini che confermerebbero un ritorno sul grande schermo di Daniel Radcliff nei panni di Harry Potter, sebbene la scrittrice e autrice J.K. Rowling smentirebbe questa eventualità. Semplici creazioni e speranze dei fan o c’è un fondo di verità? Addirittura c’è chi sostiene vi sia già una data di rilascio del film nelle sale cinematografiche, sarà vero?

Harry Potter e la maledizione dell’erede è nata come opera teatrale e sta riscuotendo un successo ad oltranza al Palace Theatre di Londra. La stessa opera a breve approderà anche al Lyric Theatre di Brodway e dal 2019 anche Princess Theatre di Melbourne. Le notizie del tutto esaurito lasciano ben sperare i fan di tutto il mondo che guardano proprio all’ottimo risultato della versione teatrale, affinché la Warner Bros possa lavorare ad una trasposizione cinematografica.

Il successo della saga di Harry Potter sembra non conoscere tramonti. Il primo spin-off della saga, Animali fantastici e dove trovarli, incentrato sul magizoologo Newt Scamander, è giunto fino al red carpet degli Oscar, portando a casa una statuetta d’oro. C’è grande attesa anche per il secondo capitolo, Animali fantastici – I crimini di Grindelwald, previsto per Novembre 2018.

Il pubblico guarda all’insieme di tutti questi successi e chiede a gran voce il ritorno del mago più famoso di sempre. Harry Potter e la maledizione dell’erede, the Cursed Child nel titolo originale, riprende la saga una ventina di anni dopo i fatti accaduti in Harry Potter e i Doni della Morte. Il protagonista della storia è Albus Severus Potter, figlio di Harry Potter e Ginny Weasly. In un complesso intreccio di GiraTempo e salti nel passato, ritornano all’opera anche Harry, Hermione, Ron e tanti altri personaggi ben noti.

La possibilità di una ripresa cinematografica non appare totalmente senza fondamenta. Se la Rowling appare scettica, gli attori della saga sembrano più aperti all’eventualità. Inoltre pare improbabile che la Warner Bros si lasci sfuggire un format che ha già riscosso un consenso così ampio da parte del pubblico. Bisogna anche tener presente che la Rowling ha più volte cambiato idea sul destino e sul futuro delle sue creazioni. Appare ormai lontano il giorno in cui la Rowling annunciò al mondo che Harry Potter sarebbe eclissato con l’ultimo film della saga. Spin-off hanno visto la luce, la piattaforma Pottermore ha enormemente arricchito di dettagli il mondo potteriano e #CursedChild fa il pienone ai botteghini.

Semplice sgomento di fan o qualcosa bolle nel paiolo? Alla Rowling l’ardua sentenza!



Benito Dell'Aquila