Giovane offre la fronte in affitto per la pubblicità

“AAA: Offresi fronte per reclame aziendali. Affitto limitato nel tempo. Costo minimo 5000 euro ed un centesimo”. È l’ultima frontiera della pubblicità vivente ideata da un giovane siciliano, Luca Melilli, 27 anni, che ha deciso di sfruttare una parte del proprio corpo, la fronte appunto, come «spazio pubblicitario». 
Per reclamizzare l’iniziativa ha scelto “Ebay”, il più noto sito internet al mondo di vendite all’asta, “visitato” ogni giorno da milioni di persone. «Offro la mia spaziosa fronte al migliore offerente per limitati periodi di tempo, durante i quali porterò in giro il logo o la reclame aziendale», si legge nell’offerta. Un annuncio curioso che ha suscitato l’attenzione di migliaia di persone: sono oltre 2000 i contatti registrati dalla sezione del giovane siciliano. 
Originario di Comiso, Melilli da alcuni mesi vive a Parma dove studia Economia e gestisce anche l’azienda agricola del padre. «L’idea – racconta – mi è venuta navigando in internet. 
Tra le tante offerte lette su ebay c’era anche quella di un tizio che metteva a disposizione i finestrini dell’auto per campagne pubblicitarie. È allora che ho pensato: perchè non fare una cosa simile sfruttando una parte del corpo?». 
Detto, fatto. «In fondo – spiega lo studente universitario – è una cosa di facile realizzazione. Basta imprimere sulla fronte, attraverso un adesivo o un tatuaggio fatto con l’hennè, il logo del prodotto da pubblicizzare o lo slogan e andare in giro. Certo non passerei inosservato». 
Chiaramente l’affitto dello spazio pubblicitario sarebbe a termine. «Ogni settimana, massimo ogni dieci giorni, cambierei reclame – dice Luca – Basterebbe cancellare la scritta o il disegno precedenti». 
La base d’asta l’ha decisa lui stesso: 5000 euro. In realtà al momento non c’è stata alcuna offerta. Due aziende, però, hanno già contattato lo studente: una opera nel settore dell’abbigliamento, l’altra in quello della gastronomia. Ma sui suoi possibili clienti Luca non vuole dire altro: «nnon vorrei danneggiarli – spiega – Hanno idee molto originali per le loro campagne e non vorrei creare problemi divulgando particolari». 
Del successo dell’iniziativa il siciliano è certo. «In dieci giorni la sezione è stata presa d’assalto – dice – tanto da indurre ebay a bandire nuovamente l’asta nonostante la prima fosse andata deserta». I giochi, dunque, si riaprono. I termini – dieci giorni – per partecipare ripartono da oggi.



redazione