spettacolo.eu

Francesca Michielin da il miglior assaggio pre-Sanremo con Cattive Stelle

Il 2o21 si prospetta un anno molto impegnativo per Francesca Michielin, una delle poche cantanti che ha salvato molte persona durante il primo, e più arduo, lockdown lo scorso marzo, pubblicando il suo ultimo album Feat, ricco di tante collaborazioni e infiniti mood in cui potersi ritrovare ascoltando le undici canzoni che lo componevano.

Feat, il cui titolo spiega il perché di tutte queste collaborazioni, è stato un esperimento molto sfrontato, forse fin troppo esagerato, da parte della cantante di Gange, che ha messo da parte il suo lato più pop per avvicinarsi a svariati generi, a volte in modo confuso, fra cui uno che i fan da tanto attendevano: l’indie. Basti ascoltare canzoni come Riserva Naturale, Gange o Leoni (che è stata anche inserita nella soundtrack della serie italiana di Netflix Summertime) per riconoscere che era ora di ascoltare un sound del genere da parte della Michielin.

E per i nostalgici del pop più all’antica Francesca Michielin ha ben pensato di includere qualche canzone che uscisse dal rango puramente indie; ne sono una prova Yo No Tengo Nada (feat. Elisa) o Cheyenne (feat. Charlie Charles) che possono essere considerate puramente pop, seppure abbiano delle tonalità totalmente diverse. Inoltre come poter dimenticare la sperimentazione rock nel primo singolo Stato di Natura con i Maneskin, un inno femminista dal messaggio forte e chiaro: più rispetto e meno prepotenza!

Feat è stato, in definitiva, un progetto audace e coraggioso, però a tratti troppo estremo e confuso, che ha offuscato la vera essenza della Michielin con tracce senza un vero filo logico, per quanto alcune avessero una qualità molto elevata.

optimagazine.com

Ma tornado al 2021, Francesca Michielin avrà, per la 2ª volta, l’opportunità di partecipare alla prossima edizione del Festival di Sanremo, a quasi un anno dalla pubblicazione del suo album, e in rigorosa compagnia del suo grande amico e collaboratore Fedez, alla sua prima partecipazione sanremese, con Chiamami Per Nome.

Il duo ha già collaborato due volte (Cigno Nero e Magnifico) creando delle hit indimenticabili, e non è perciò assurdo pensare che l’hype creatosi intorno a questa inattesa collaborazione possa essere alto, soprattutto fra gli amanti di queste due canzoni che, all’epoca, consumavano con ascolti massivi.

bluewin.ch

Nell’attesa del grande Festival della musica italiana, quest’anno inizierà con qualche settimana di ritardo, Francesca Michielin ha pubblicato un assaggio di ciò che ascolteremo a Sanremo intitolato Cattive Stelle, in collaborazione con l’artista indie Vasco Brondi, co-autore del pezzo.

Il brano, che sarebbe potuto essere una fantastica proposta sanremese, è un inno che condivide la forza di superare questi periodi bui, ed è stato pubblicato a gennaio proprio per iniziare l’anno con un buon proposito, quello di rinascere e tornare ad essere come prima, però più forti e consapevoli.

Viviamo tempi difficili, sotto cattive stelle, ma abbiamo tanta voglia di musica

Nella sua ultima apparizione sanremese Francesca Michielin è arrivata seconda, e dopo l’abbandono da parte degli Stadio, ha anche partecipato all’Eurovision Song Festival, che questa seconda partecipazione possa essere ancora più fortunata?



Marco Russano