Ecco come sopravvivere al back to work e alla fine dell’estate

Come si sopravvive al back to work? Sfortunatamente non esiste una vera e propria formula magica per risolvere questo problema, ma dei piccoli consigli, per tornare alla vita di tutti i giorni senza stress, sì.

Ormai siamo rientrati dalle vacanze, gli uffici e le aule universitarie sono ritornati ad essere il nostro habitat naturale e il ricordo delle nostre amate e agogniate ferie si affievolisce sempre più. Le giornate si stanno accorciando e il maltempo si sta facendo largo nelle ormai finite giornate estive. Si stima che una persona su diedi soffra di sindrome da rientro, o post vacantion syndrome, tanto che questa patologia ormai è anche riconosciuta dagli psicologi. Si manifesta per lo più con sintomi caratteristici, come il nervosismo, l’irritabilità, il mal di testa, l’insonnia, il calo dell’attenzione, l’ansia, la tachicardia, la sonnolenza o la difficoltà del sonno.

Le cause riconducibili a questo malessere del back to work (o sindrome da rientro) sono per lo più riconducibili al cambio delle abitudini. Ma non solo, anche l’aver deluso le aspettative di un’estate sfavillante, il senso di colpa per gli eccessi e l’ansia del rientro al lavoro in un ambiente tossico, portano una persona a soffrire la mancanza dell’estate e il back to work.

Ma come possiamo portare sempre con noi un po’ di vacanze per evitare il mental back down?

Ritornare alla solita routine non è semplice, ma nemmeno impossibile!

Crea un rito

Analizza il tuo comportamento e le tue attività vacanziere, individua un rito replicabile che ti rendeva felice e ti faceva rilassare. Ecco, l’hai individuato? Bene, ora replicalo a piccole dosi nella vita di tutti i giorni. Che sia fare aperitivo con gli amici o bere un cappuccino caldi la mattina. Trova il tuo rito estivo e trasformalo nell’antistress invernale.

Datti tempo

person holding gray and beige roman numeral alarm clock

Da zero a mille in un unico giorno? No, fermo! Datti tempo. Riabituati pian  piano alla quotidianità pre-ferie ed evita rientri traumatici che aumentano solo lo stress, l’ansia e il nervosismo!

Inizia a fare sport

Iscriviti in palestra (e vacci), fai un corso di yoga online o vai a passeggiare nei parchi cittadini. Trova un modo per staccare la mente e il corpo dalla scrivania o dalla postazione di lavoro. Scarica tutto lo stress e libera la mente con una bella corsetta.

Cura l’alimentazione

macro shot of vegetable lot

L’estate è anche esagerazione. Tra cocktail, cene al ristorante e pranzi arrangiati, la tua dieta è diventata un pot pourry di schifezze. Rimettiti in riga e modera il consumo di caffè e alcolici (lo sapevi che l’alcol e il caffè aggravano i sintomi depressivi e ansiosi?)

Evita la tecnologia (soprattutto a letto)

Prima di andare a dormire passi ore su Tik Tok e Instagram? Ecco, questo è un comportamento sbagliato. Prima di andare a dormire è importate tenere lontano dai nostri occhi e dalla nostra testa il cellulare perché non concilia il sonno, anzi, lo peggiora.Fine modulo

Se soffri anche tu di ansia da back to work raccontaci la tua esperienza e se i sintomi non dovessero affievolirsi, contatta uno specialista.



Silvia Menon