Cuore spezzato: la compilation di frasi banali che fanno incazzare

La fine di una storia è molto simile all’inizio. Si sta molto tempo a letto e si risulta patetici agli occhi degli altri. Si vuole parlare solo di ciò che vi è capitato. Entrambi i casi rappresentano una piaga sociale, un peso da portare in giro, i guastaserate.

Se nel secondo caso, ci si limiterà ai classici “sono felice per voi” e “siete bellissimi” per le donne, e “ti ha dato il culo?” per i maschi, le cose che vi sentirete dire nel primo caso non sono molto simili e assomigliano a queste:

Non te lo meritavi” – Questa si piazza in assoluto al primo posto ed è la frase che vi sentirete dire più spesso. E, se non avete fatto nulla di male, può anche essere vera. In ogni caso, non ho mai sentito dire a nessuno “te lo meritavi, te lo meritavi proprio”.

Ora te le devi scopare tutte” – “Ma tutte tutte?” “Sì, tutte”. “No, perché, sai, non è che mi senta proprio a mio agio”. “Ti ho detto che te le scopi tutte e non rompi i coglioni, va bene?” “Ma quella è un uomo…” “Tutte”.

Guarda, ora te lo posso dire, io avevo capito subito che era una stronza” – Grazie, la prossima volta dimmelo prima!

Ha un altro” – La sicurezza con cui questa esclamazione viene data ve la farà prendere come una massima assoluta. Anche se fino
a 5 nanosecondi prima non lo sospettavate. Ha un altro. E, magari, è proprio lui che ve l’ha rivelato.

Ah io ci sono passato, so come si sta” – Non avrete altro Dio. Lui sa come si sta e ha la soluzione al vostro dolore. Ha il sacro fuoco dell’esperienza dentro di sé. “Te le devi scopare tutte, te lo dico io”.

Beato te” – Lasciamo perdere che, probabilmente, chi la dica sia invischiato in una relazione dalla quale non riesce a uscire, o voglia solo fare una battuta. Ma, dietro di sé, nasconde quello che ancora fate fatica a vedere: quello che vi è capitato è un’opportunità.

Se pensate che nessuno vi capisca, è assolutamente normale e avete ragione. Ma non perché siate circondati da inetti poco empatici, solamente perché le cose vissute in prima persona sono più importanti di qualsiasi altra cosa. Non fraintendetemi: va benissimo parlarne, con gli amici, coi parenti, coi colleghi, con la vicina di casa (a proposito, grazie). Ma, prima di tutto, parlatene con voi stessi.

Non pensarci, devi distrarti” – È sicuramente la frase più banale, ma anche la più giusta. Che sia da una semplice birra insieme alle interminabili partite a Fifa con un amico. O riguardarsi la trilogia estesa del Signore degli Anelli tutta d’un fiato, o rivedere per l’ennesima volta Dragon Ball Z, convincendosi che sia Freezer a vincere stavolta.

Se non volete più sentire quelle frasi, smettetela di parlarne. Nessuno vi darà più consigli, se voi non ne parlerete. Siate tristi per quanto serve, non forzatevi a essere felici. E piano piano, tornerete alla vostra vita. Datevi tregua, e non abbiate fretta. Perché più di tante frasi, c’è solo una cosa che vi permetterà di rialzarvi dal letto: il tempo.



redazione