congiunti zio benny

Congiunti che si trasformano in affetti “stabili” e illegali

La fase 2 è vicina ed è la fase dedicata ai congiunti. Dopo circa due mesi di distanziamento sociale, avremo modo di poter rincontrare i nostri affetti, ma con moderazione.

Esatto, con moderazione, perché il governo lascerà aprire le porte di casa soltanto per rivedere prorpri congiunti. Panico! In tutte le case degli italiani, venitemi a contestare (vi aspetto), si è scatenata la corsa al dizionario per capire il significato della parola congiunto. Ora, che tutti avessimo bandito questa parola dal nostro linguaggio giornaliero è un conto, ma che il Governo Conte la utilizzasse per darsi un tono di legittimazione giuridica senza specificare cosa intendesse è un’altra cosa.
Capita la falla e il Governo, dopo le prime segnalazioni alla redazione di Uomini e Donne, ha tenuto a specificare che i congiunti sono i parenti.

Fonte: rebelmag

Il cielo si è colorato di glitter rossi sfavillanti, ma non erano segnali dal futuro o messaggi dagli UFO e nemmeno i residui dell’asteroide che ha costeggiato la Terra. Erano semplicemente le centinaia di cattivi pensieri e sogni peperini andati infranti dopo aver capito che tra i congiunti non erano inclusi i partner. Per questo, armati di mascherine, guanti e hula hoop per mantenerci distanti un metro dagli altri, sarà possibile far visita alla zia di nostra madre che vive in campagna e non vediamo dalla prima comunione, ma non alle persone che amiamo.

In molti avevano già riposto condom e lubrificanti, qualcuno anche strap-on e corde da bondage, quando palazzo Chigi si è ritrovato nuovamente al centro di una bufera. Tanto che il governo ha deciso di far rientrare nella parola congiunti anche fidanzati e fidanzate, ma non gli amici.

Fonte: www.corrieredellosport.it

Nel cielo sono ritornate intatte le peccaminose emozioni, ma la polemica non si è fermata. Il governo ha infatti deciso di snaturare completamente il significato della parola congiunto. Rimane da chiedersi chi sia il paroliere del governo, certamente non è Mogol. I congiunti sono diventati più semplicemente gli “Affetti Stabili”, portando la discussione in un campo di rose spinate.

Mi chiedo quale metro di giudizio verrà utilizzato per giudicare le relazioni sentimentali degli italiani. Cosa bisognerà scrivere sulle autocertificazioni? Quali spiegazioni bisognerà dare all’agente che le controllerà? Cosa succederà se lo stesso agente riterrà non “stabile” il mio affetto congiunto?

Fonte: www.corrieredellosport.it

In pratica chi fino ad oggi non ha vissuto la propria vita alla Brooke Logan nel crearsi una scuderia di congiunti, dovrà patire ancora l’isolamento. Due mesi di auto solleticazioni possono diventare anche tre o quattro, nessun problema. Il buon senso ancora ci governa e lasceremo ancora ad ammuffire app come Tinder o Grindr. Sebbene, anche lì, potrei portar prova di affetti “stabili” e conclamati dalla durezza e dalla continuità di certe manifestazioni. Ad ogni modo, non si possono escludere tutti quei rapporti d’amicizia che reisultano essere più “stabili” di molte relazioni. Esistono amicizie pluridecennali che talvolta sono più appaganti di un bacio o di un preliminare con il partner.

Capirei se qualcuno volesse opporsi dicendo che l’amicizia se vera supera le distanze del tempo e dello spazio, ma ciò non gioverebbe alla sanità mentale di nessuno. L’unica soluzione è armarci di guanti, mascherine e immergersi nell’Amuchina, anche se scambierei volentieri la visita a mia zia con quella alla mia migliore amica.



Benito Dell'Aquila