Come saranno le abitazioni del futuro in Italia?

redazione

In #Lifestyle / redazione / Comments

Nel cartone animato degli anni ’60 The Jetsons il futuro era disegnato con colori sgargianti, macchine volanti simili a navicelle spaziali, e con la tecnologia come parte integrante di ogni giornata. E anche se oggi alcune di queste fantasie ancora non si sono realizzate, non è poi così difficile per noi immaginare come saranno le abitazioni del futuro nel nostro paese. Proviamo, allora, a scoprire, con l’aiuto dell’infografica realizzata da MAM Ceramiche, come si evolveranno arredamento e rivestimenti per la casa nei prossimi anni.

Intelligente vuol dire sostenibile

Proprio così, perché la casa del futuro sarà smart, ossia intelligente, non solo rendendo la nostra vita più facile e confortevole, ma anche aiutando l’ambiente.

Come? Prima di tutto grazie a strutture con un minore impatto sull’ambiente.

Infatti, dal rapporto dell’Osservatorio Recycle presentato da Legambiente emergono le innovazioni nel settore edilizio sia in termini di interventi realizzati che di nuovi materiali. Questi ultimi possono essere classificati come:

  • Naturali, i cui vantaggi vanno dall’isolamento termico e acustico alla resistenza agli agenti atmosferici e facilità di montaggio, con conseguente riduzione di tempi e costi;
  • Riciclati al 100%, ossia ottenuti riutilizzando polveri e residui di prodotti dismessi, in modo da non necessitare l’impiego di altre risorse ambientali e ridurre altresì le importazioni;
  • Innovativi, cioè materiali altamente performanti con una resistenza nel tempo superiore ai classici componenti usati in edilizia e che spesso contribuiscono anche a migliorare l’aria che respiriamo.

Welcome hi-tech!

Nelle abitazioni del futuro non potranno mancare elettrodomestici super tecnologici a sostegno delle attività quotidiane come, ad esempio, preparare la cena: il frigorifero con assistente personale, infatti, non solo aiuta a trovare la ricetta giusta per la serata, ma permette anche di guardare all’interno senza aprire gli sportelli, grazie ad una telecamera e ad un display touch LCD utile anche per scrivere la lista di quello che servirà dal supermercato.

La tecnologia offre anche altre soluzioni pratiche, come gli interruttori attivabili a voce o dallo smartphone e la doccia con cui programmare la temperatura ed il consumo dell’acqua, oltre che a misura d’uomo, come il letto che migliora la qualità del sonno regolando la consistenza, l’inclinazione e la temperatura del materasso in base ai dati registrati durante la notte e differenziando le varie zone d’appoggio del corpo.

Un giro d’affari in forte crescita

In Italia, il business del cosiddetto Internet of things muove diverse centinaia di migliaia di Euro divisi principalmente in smart metering, ossia i contatori intelligenti per monitorare i consumi, che segnano un tasso di crescita del 90% in un anno, smart building e smart home che registrano a loro volta un incremento rilevante e destinato a crescere ulteriormente, di pari passo all’innovazione ed allo sviluppo nella costruzione delle nuove abitazioni.

E chissà se i creatori della famiglia Jetson, all’epoca, se lo immaginavano tutto questo!