Da Momenti di calcio

Cessione Newcastle: le proteste di Amnesty International e beIN Sport

La cessione del Newcastle sembra essere davvero a un passo. Le prime voci sulla possibile vendita erano iniziate a circolare verso l’inizio di dicembre, ma oggi l’affare sembra essere in dirittura d’arrivo.

L’acquisto dei Magpies costerà al fondo sovrano dell’Arabia Saudita (PIF) 300 milioni di sterline, circa 240 milioni di euro. Con questa cifra il PIF e quindi Bin Salman, principe saudita, diventerà proprietario dell’80% delle quote del club.

Mohammed Bin Salman. Da Passionepremier

Secondo le prime indiscrezioni i nuovi proprietari sarebbero pronti a investire oltre 200 milioni di sterline per migliorare le infrastrutture del club, ma soprattutto per rilanciare i risultati agonistici di un club, che da qualche anno, naviga nelle zone basse della Premier League. Il Newcastle è stato addirittura retrocesso in Championship nel 2016.

Sulla possibile cessione al FIP si sono però levate diverse voci di protesta. Le più importanti sono quelle di Amnesty International e beIN Sport.

Amnesty International ha indirizzato una lettera all’ad del campionato inglese motivando le sue perplessità sulla cessione. L’organizzazione impegnata nella difesa dei diritti umani ha invitato a riflettere sul valore che la cessione potrebbe avere. Secondo Amnesty l’acquisizione del club sarebbe un’operazione per rilanciare l’immagine del paese arabo all’estero. L’Arabia Saudita è uno dei paesi con il maggior numero di esecuzioni capitali nel mondo ma soprattutto, secondo l’inchiesta delle Nazioni Unite, ci sarebbero prove del coinvolgimento della famiglia del principe ereditario  nell’uccisione del giornalista Jamal Khashoggi (ottobre 2018).

Secondo AP News la FA e l’EPL avrebbero l’opportunità di bloccare il passaggio di proprietà se i nuovi proprietari si sono comportati in modi che sarebbero stati condannati nel Regno Unito.

BeIN Sport è uno dei partner più importanti della Premier League per quanto riguarda la trasmissione delle partite all’estero. L’emittente qatariota ha riportato l’attenzione su un fatto già noto da tempo. La piattaforma BeoutQ trasmette, da diversi anni, le partite del campionato inglese illegalmente. Il paese dove questo servizio è più in voga è proprio l’Arabia Saudita. BeoutQ è attivo anche in Medio Oriente e Nord Africa.

Sembra, però, inevitabile che il passaggio di proprietà avvenga nelle prossime settimane.

I nuovi proprietari sembrano essere disposti a investimenti importanti per portare il più in alto possibile il Newcastle. Lo scopo principale è quello di rivoluzionare la rosa attuale.

Per la panchina i nomi più gettonati sono quelli di due allenatori ora senza contratto: Allegri e Pochettino. Altri nomi caldi sono quelli di Favre, attuale tecnico del Borussia Dormund, e l’ex tecnico del Newcastle Rafa Benitez.

I due nomi per l’attacco sono legati alla storia del Napoli: Cavani è in scadenza con il PSG mentre Mertens, sta ancora trattando per il rinnovo con il club partenopeo. Willian del Chelsea è, per ora, solo una seconda scelta. Per il centrocampo un colpo in prospettiva sarebbe Soumarè del Lilla. Per il Daily Star un possibile obiettivo è van de Beek, centrocampista dell’Ajax.

Con questa cessione il Newcastle si candida a diventare la squadra più ricca della Premier League, però comprare i soli soldi non bastano per diventare il miglior club inglese. Il primo problema che i nuovi proprietari incontreranno sarà quello di coinvolgere i top player in una squadra che non prende parte alle competizioni europee dalla stagione 2012/13.



Tommaso Pirovano