Carlo Verdone dice “Carpe Diem” con il suo film Si vive una volta sola

A 40 anni da “Un sacco bello” il primo lavoro realizzato e diretto da Carlo Verdone, il 26 febbraio esce in tutte le sale cinematografiche il  nuovo film “Si vive una volta sola”.

La carriera di Carlo Verdone nel mondo cinematografico cominciò verso gli anni ’80, la sua particolarità è stata riconosciuta nel modo in cui l’attore interpretava più personaggi, ovviamente diversi tra loro, in un unico film.

Ricordiamo solo alcuni dei suoi capolavori: Un sacco bello, Viaggi di Nozze e il suo maggior successo fu per il film Grande, grosso e…Verdone.

Nel 2013 Carlo prese parte per il film di Paolo Sorrentino, “La grande bellezza”, che vinse l’oscar come Miglior film straniero, egli interpretò il ruolo di  co-protagonista insieme a Toni Servillo.

Questo è il ventisettesimo lavoro del comico attore romano, il film si concentra principalmente sul rapporto dell’amicizia e sulle sue sfumature.

La storia si concentra su un équipe chirurgica, composta da quattro amici, tre uomini e una donna, considerati dei medici eccellenti, talmente precisi che anche il Papa si affida alle loro cure.

Il professor Umberto Gastardi (Carlo Verdone), la strumentista Lucia Santilli (Anna Foglietta), l’anestesista Amedeo Lasalandra (Rocco Papaleo) e il suo assistente Corrado Pezzella (Max Tortora).

Un team di professionisti della medicina, ma purtroppo nella vita privata è tutto un disastro.

Sono quattro amici inseparabili non solo a lavoro, ma soprattutto al di fuori di esso, con il passare gran parte del tempo insieme…si sa che “il troppo stroppia”.

L’amicizia comincia a degenerare, nel momento in cui l’anestesista, il dottor Amedeo Lasalandra, subisce degli scherzi da parte dei suoi colleghi.

Ad un certo punto gli scherzi finiscono, perché il dottore Gastardi nota qualcosa di insolito nelle analisi di Amedeo.

Quindi emerge una forte solidarietà, i quattro amici decidono di fare un viaggio, sperando che Amedeo possa godersi una bella vacanza e affrontare il duro colpo. Come gli daranno la notizia?

Un’esperienza ricca di incontri surreali, rivelazioni stupefacenti ed avventure esilaranti, pieni di colpi di scena,  sarà sicuramente un viaggio indimenticabile.

La location scelta è la soleggiata e stupenda Puglia, precisamente a Bari in diverse città della provincia.

Il regista Verdone ha deciso di girare a Conversano, San Vito di Polignano a Mare e Monopoli, scelte proprio per il loro fascino, la loro bellezza e intensità, nel riuscire a raccontare le vicende della storia del film.

Carlo Verdone ha arricchito il cinema di risate esilaranti, e ancora una volta ci regala una storia divertente e importante.

Mi raccomando il 26 febbraio tutti al cinema per godersi Si vive una volta sola!



Roberta Guadalupi