Il black friday sostenibile: un vademecum per non sbagliare gli acquisti

Il black friday in se e per sè non è sostenibile, questo per diversi fattori. 

Il black friday nasce per essere una giornata dedicata interamente agli sconti pazzi, ed è normale che la tentazione di comprare qualcosa di inutile ci colga. Senza considerare che gli acquisti fatti in questo periodo spesso vengono resi, e questa azione ha un enorme impatto ambientale. 

Quindi no, il black friday non può essere davvero sostenibile ma c’è comunque qualcosa che possiamo fare se proprio non vogliamo perderci questa giornata. 

1. Scegli aziende che per ogni acquisto fanno qualcosa di positivo per l’ambiente 

Alcune aziende a fronte di ogni acquisto scelgono di piantare un albero, di donare una parte del ricavato a chi ne ha più bisogno ecc. Sono sicuramente tutte motivazioni valide per comprare qualcosa da loro. 

2. Scrivi in anticipo una lista d’acquisti 

Come abbiamo già detto il black friday spesso porta ad acquisti poco ponderati. Per evitare ciò (ed eventuali resi) scriviamo prima una lista di ciò che ci servirebbe davvero. 

3. Punta a prodotti green 

Se proprio non riusciamo a fare a meno di comprare qualcosa almeno che sia un prodotto green e sostenibile. Occhio al greenwashing però! 

4. Comprate da piccoli è produttori 

In questo caso sarà impossibile trovare sconti pazzi però in questa giornata tutti ne approfittano per fare un po’ di sconto. Questo può essere un ottimo modo per acquistare un prodotto normalmente più costoso ma di alta qualità. Inoltre comprare dalle piccole realtà è sempre un bene! 

5. No all’indecisione

Se sei indeciso fra due prodotti fondamentalmente simili compra sempre quello che userai di più. Poco importa che sia un elettrodomestico o un capo d’abbigliamento: pensa sempre al suo utilizzo e scegli di conseguenza. In questo modo eviterai acquisti inutili o semplicemente di comprare prodotti che verranno poco utilizzati. 



Rebecca Bertolasi