Vita ce n’è World Tour, un’emozione per sempre al PalaSele (Sa)

Prosegue inarrestabile con straordinari record di presenze il VITA CE N’È WORLD TOUR di Eros Ramazzotti che, ieri sera, ha conquistato il PalaSele di Eboli. Dopo aver solcato le più belle e importanti arene di tutto il mondo, Eros torna ad esibirsi sui palchi dei più importanti palazzetti italiani, per poi sbarcare in America nel 2020 per oltre 15 entusiasmanti show.

Dal primo istante in cui ha solcato il palco del PalaSele, Eros Ramazzotti ha mostrato tutta la sua grinta a un popolo di fan, accorso da tutto il territorio campano. La scaletta ha alternato brani del nuovo album a canzoni da repertorio. Classici che l’hanno reso celebre e con cui ha conquistato milioni di cuori in 35 anni di carriera. Una scelta prevedibile, ma che ha riscontrato il favore del suo pubblico in un susseguirsi di cori e controcori. Un’incredibile impresa live arricchita da una produzione internazionale e da un allestimento innovativo.

Una grande performance quella di Eros per questa data di VITA CE N’È WORLD TOUR, accompagnato magistralmente da una band di artisti impeccabili, a cui sono stati riservati diversi attimi di gloria. Otto musicisti d’eccezione e due coriste che contribuiscono a rendere la produzione internazionale.

Non è mancato, però, un momento di “polemica”. A distanza di pochi brani Eros ha canzonato il suo pubblico. Il rimprovero si è scagliato contro una moda ormai dilagante, l’incessante quando smodata mania di riprendere con gli smartphone ogni istante del concerto. Un gesto che impedirebbe di fruire in pieno di uno spettacolo, qualunque esso sia. Parole che hanno ricevuto un notevole plauso, ma come spesso avviene, è la messa in pratica che lascia a desiderare.

Vita ce n'è world tour palasele eboli

L’instancabile Eros si è esibito senza interruzioni, interagendo con il suo pubblico e facendo sfoggio anche delle sue doti da musicista con esecuzioni al piano, con chitarra e batteria. Il visibilio si è raggiunto con le sue scenette in movenze sensuali che in una parentesi giocosa hanno animato lo show. Nei piccoli intermezzi non è mancato l’impegno nel sociale. Diversi corto hanno sensibilizzato il pubblico sull’inquinamento ambientale e sull’utilizzo eccessivo di oggetti in plastica.

Tutto sommato non è mancato nulla. Eros ha regalato un’emozione per sempre al pubblico giunto ad Eboli per lui.

Vita ce n’è world tour continuerà con le date di dicembre:

11 Roma, Palazzo dello Sport – NEW!

14 Firenze, Mandela Forum

17 Livorno, PalaModigliani

20 Milano, Mediolanum Forum – NEW!

Un ringraziamento personale ad Annalisa dell’ufficio stampa Goigest.



Benito Dell'Aquila