Un tatuaggio per distinguere i suoi gemelli: ecco l’idea di una mamma

La nascita di un una nuova vita è sempre un evento meraviglioso e ricco di emozioni. Se si tratta, poi, di un figlio lo è ancora di più. Quello della gravidanza è un periodo carico di aspettative per qualsiasi genitore. Le future mamme e i futuri papà vivono in “è tutto un equilibrio sopra la follia” tra entusiasmo, felicità, paura e ansia. Dopotutto, l’arrivo di una figlio è un’esperienza che cambia tutto. E, quando si tratta di gemelli, lo stravolgimento è ancora più accentuato. Crescere dei gemelli e tutt’altro che facile per tutta una serie di motivi. E’ tutto doppio: dal cambio alla poppata, dai vestiti ai giochi e cosi via. Insomma, gestire dei gemelli non è proprio come fare una passeggiata e se sono completamente identici anche distinguerli diventa complicato. Lo sa bene la mamma di Jack e Adam che ha fatto una scelta particolare per ovviare a questo problema: fare un tatuaggio uno dei due gemelli con una piccola lentiggine. Perché?

UNA DECISIONE “SALVA-VITA”

La decisione sarebbe dipesa anche da un errore commesso in buona fede dalla suocera della donna. A raccontare questa storia è stata proprio la mamma dei gemelli, una donna di 31 anni che non ha voluto svelare la sua identità. Dopo cinque anni di tentativi, la donna è diventata finalmente mamma dei due gemelli, Jack e Adam. Tuttavia, al momento della nascita la neo mamma ha scoperto che il piccolo Jack soffre di una patologia che prevede l’iniezione di un medicinale una volta alla settimana. Da qui la necessità di distinguere perfettamente i due pargoli anche perché pare che la suocera, in modalità baby sitter, abbia confuso i bambini e abbia iniettato il farmaco al bambino sbagliato. “Sembrano veramente identici, – ha confessato la mamma dei gemelli – sarò onesta: io e mio marito a volte li scambiamo. Tutti lo fanno. Mia suocera si è subito accorta del suo errore e ha chiamato il 911 e sono stati trasferiti in ospedale”, ha spiegato la donna. “Quando sono arrivata lì, Adam aveva ricevuto l’agente di inversione ed entrambi stavano sorseggiando felicemente del succo. Non è mai stato in pericolo. È un farmaco ad azione molto lenta che, nel peggiore dei casi, gli avrebbe provocato la diarrea per pochi giorni. Ma mia suocera era fuori di sé, ho cercato di alleviare la sua preoccupazione ma si è rifiutata di fare da babysitter nei giorni successivi e così sono andati all’asilo”. Insomma, bisognava risolvere questa situazione al più presto. Come fare?

UN TAUTAGGIO A UNO DEI DUE GEMELLI: UN PICCOLO SEGNO DI DISTINZIONE

Ed ecco la geniale idea: un bel tatuaggio ad uno dei due gemelli. A suggerire questa soluzione alla donna, un medico che le ha consigliato di “marchiare” una lentiggine su un pezzo di pelle facilmente visibile. Un piccolo escamotage che permetterà a tutti di distinguerli e che svanirà in due o tre anni con la crescita. Nonostante l’indubbia utilità della scelta, non tutti hanno apprezzato il tatuaggio ad uno dei due gemelli. Sembra, infatti, che la suocera non sia rimasta molto soddisfatta.  “Ho cercato di spiegare ma lei è andata fuori di testa così ho messo entrambi i bambini per terra e le ho detto di prendere Jack e trovare il tatuaggio, – ha raccontato la donna. “Ha preso Adam, così le ho passato Jack e dopo 20 minuti ancora non riusciva a trovarlo. Alla fine gliel’ho fatto notare e lei ha detto ‘È solo una lentiggine…’. E le ho spiegato che Adam non ha una lentiggine lì .. Quindi è così che l’asilo nido può distinguerli”. Insomma, tutto è bene quel che finisce bene. Adesso i due neogenitori potranno godersi i loro “gemelli diversi” senza temere di commettere un scambio di persona.



Catiuscia Polzella