Tweet virali: la triste storia di #papaw

Noemi D'Alessandro

In EXPERIENCE / Noemi D'Alessandro / Comments

Tutto è iniziato col tweet di una ragazza dell’Oklahoma:

cena con papaw (nonno) stasera… ha preparato 12 panini per i suoi 6 nipoti, ma mi sono presentata solo io. Gli voglio bene

Twitter si scioglie. Il Tweet viene ritwittato oltre 150mila volte e in poco tempo diventa virale, scatenando centinaia di reazioni.

C’è chi si strugge per il povero nonno e si offre volontario per una cena a base di panini:

 “Questa sono io che cerco papaw”

“Retwittate se andreste a cena con papaw”

“Questa era la fila per mangiare i panini da papaw, ieri sera”

“Torno subito, sto andando da papaw”

E c’è chi, comprensibilmente, se la prende con i nipoti che hanno disertato la cena:

 

“Io quando troverò i 5 nipoti che non sono andati a cena con papaw”

“Tutto quello che dovevano fare era andare a cena con papaw. Solo questo.”

Immediatamente si è scatenata una caccia all’uomo per rintracciare i cinque nipoti bidonari, che sono stati prontamente trovati e che subito hanno tenuto a precisare che il loro nonno è molto amato, che tutta questa fama lo lusinga e che avrebbero fatto il possibile per rimediare al loro errore. Infatti, poche ore dopo, ecco che uno dei nipoti twitta una foto con l’ormai celeberrimo papaw:

 

“RAGAZZI TRANQUILLI! SONO A CASA DI PAPAW E STIAMO MANGIANDO UN PANINO!”

Ma questo non è bastato a placare l’ira del popolo di Twitter, tant’è che la nipote di papaw che ha scritto il primo tweet si è vista costretta a chiedere di smetterla di minacciare e insultare i suoi cugini:

https://twitter.com/kelssseyharmon/status/710486091564867584

“Papaw sta bene ragazzi, davvero & vuole bene a tutti i suoi nipoti, per favore smettetela di mandare minacce di morte ai miei cugini, va tutto bene!”

Insomma, come al solito c’è chi prende le cose troppo sul personale ed esagera, indubbiamente di buono c’è che, almeno per qualche ora, papaw si è sentito meno solo diventando il “papaw” di Twitter.