Roglic, maglia gialla del Tour de France 2020
Da Bicitv

Tour de France 2020: il punto dopo la prima settimana di gara

Il Tour de France 2020 è giunto al suo primo giorno di riposo. Ecco un breve riepilogo di quello che è successo durante la prima settimana di gara. Dopo le prime nove tappe non sono mancate le sorprese, soprattutto a partire dal finesettimana.

Nelle prime sei tappe infatti non ci sono stati colpi di scena importanti. In grande spolvero Van Aert. Rispettando i pronostici Sagan ha già conquistato la maglia verde pur non avendo vinto ancora nessuna tappa, così come la Jumbo-Visma si è dimostrata la squadra da battere. Contrariamente alle sue dichiarazioni, il capitano Roglic ha dimostrato di aver recuperato bene dalla caduta del Delfinato.

A partire dalla settima tappa la corsa si è accesa grazie all’azione della Bora Hansgrohe che, sfruttando il vento, ha dato un primo scossone alla classifica generale: Carapaz, Landa, Pogacar e Porte hanno perso 1’21” dalla testa del gruppo rimanendo sorpresi nel secondo troncone del gruppo.

L’ottava tappa ha dato i primi verdetti: i due beniamini di casa Pinot e Alaphilippe sono usciti di classifica. Il primo è andato in crisi arrivando oltre diciotto minuti dalla maglia gialla Adam Yates mentre Alaphilippe, dopo aver tentato di staccare i migliori in salita, ha pagato dazio (una decina di minuti di ritardo). Un transalpino che ha provato a tenere alti i colori francesi è stato Bardet che ha guadagnato, nel finale, tre secondi sui migliori. Chi si è riscattato dal giorno prima è stato Pogacar che sull’ultima salita ha provato a recuperare sui migliori, guadagnando circa 40 secondi. Poco brillante, per ora, rispetto allo scorso anno Egan Bernal. Nota negativa per i colori italiani è il ritiro del campione nazionale e europeo Nizzolo, alla sua seconda partecipazione al Tour de France.

Pogacar, vincitore della nona tappa. Da Teller Reporter

La seconda giornata sui Pirenei è stata fatale per Adam Yates che si è staccato dal gruppo dei migliori sull’ultima salita di giornata. Roglic ha conquistato la maglia gialla, arrivando con Landa, Pogacar e Bernal. I quattro hanno provato, senza successo, a far la differenza sulla salita finale. Sempre in grande spolvero Pogacar, in ripresa Landa e Bernal. La sorpresa di giornata, in negativo, è stata la prestazione di Quintana che è apparso poco brillante ed ha pagato 11 secondi al gruppetto di Roglic. Pessima notizia per i colori italiani è il ritiro di Fabio Aru che non riesce più a trovare una buona condizione fisica.

La nuova classifica generale del Tour de France 2020 vede ora Roglic al comando seguito da Bernal a 21″ e il francese Guillaume Martin a 28″. In quindici secodi ci sono poi anche Bardet, Quintana, Uran e Pogacar. Di poco superiore al minuto il ritardo di Adam Yates, Landa e Lopez.



Tommaso Pirovano