“Strand”, la libreria di New York dove le misure contano

Di Silvia Vassallo  per Social Up!

“Libri per 18 miglia” è il motto che spicca nel logo della libreria “Strand” di New York. Situata all’angolo tra la East 12th Street e Broadway, al numero 828, questa maestosa libreria può infatti vantare un patrimonio di circa 2,5 milioni di libri, organizzati su più di 31 chilometri di scaffali, una lunghezza considerevole se si pensa che la stessa Manhattan misura invece “solo” 21 chilometri. Insomma, un vero e proprio paradiso per tutti gli amanti dei libri che vogliano arricchire le proprie collezioni letterarie.

“Lunghezza” a parte, la “Strand” detiene però altri record significativi: si tratta infatti di una libreria a conduzione familiare fondata da Benjamin Bass nel 1927, inizialmente in Fourth Avenue, che fu trasferita all’attuale indirizzo nel 1956, su iniziativa del figlio, Fred Bass. Oltre alla sede principale, il nuovo proprietario ha disposto la creazione di un chiosco a Central Park e di numerose bancarelle lungo i marciapiedi fuori dalla libreria. Con i suoi ben 90 anni di storia, la “Strand” ha così acquisito grande fama e prestigio in tutto il mondo, accogliendo all’interno dei suoi tre piani, gestiti da più di 240 dipendenti, ampie sezioni dedicate anche al cinema, allo sport e alla fumettistica, insieme a una notevole quantità di testi rarissimi e di prime edizioni firmate dai più grandi scrittori americani.

Specializzata in modo particolare in volumi di seconda mano, con prezzi che partono addirittura da 1 dollaro, la “Strand” è nota proprio per gli ottimi affari proposti. Ed è qui che entra nuovamente in scena il fattore “misura”: grazie a un originalissimo metodo di vendita, i clienti possono acquistare i libri “al metro”, ossia a un prezzo calcolato in base alla lunghezza che occupano i volumi, a partire da circa 10 dollari al metro. L’offerta, valida solo per le collane di genere e argomenti affini, è il sogno di tutti i “lettori seriali”, che possono così realizzare, con poca spesa e in breve tempo, degli ordinati scaffali tematici in casa propria.

Peculiarità uniche come queste hanno fatto della libreria “Strand” una vera istituzione nella Grande Mela. Non è infatti un caso se, in passato, ha annoverato fra i suoi dipendenti le rock star Patti Smith e Tom Verlaine, ed è stata meta di ospiti d’eccezione, fra cui le protagoniste di “Sex and the City”, l’attrice Julianne Moore e l’ex presidente americano Bill Clinton. Numerosi poi sono gli scrittori di fama internazionale che qui accorrono in occasione di eventi speciali e letture organizzate per il pubblico. E per non farsi mancare proprio nulla, la “Strand” è anche attiva online sui social media, in particolare su Instagram, dove Gimzo, il cane di uno dei gestori, è ormai divenuto una star, e su Tumblr, in cui per esempio vengono raccolte le foto dei biglietti, delle cartoline e dei fogli più originali rinvenuti all’interno dei libri usati in vendita dal 1927.

Ricapitolando, 18 miglia di libri, 90 anni di storia e più di 200 dipendenti: “Strand” è sicuramente la libreria dei grandi numeri, forse l’unica al mondo dove “le misure contano” e diventano quasi un marchio di fabbrica. Non si tratta però di un semplice negozio, i suoi gestori amano infatti definirla “community center”. Un luogo dove i lettori non si limitano solo a leggere, ma incontrano, scoprono e “comunicano” con i libri, perdendosi totalmente nei meandri infiniti della letteratura (e anche degli scaffali chilometrici!).



redazione