Sistemi audio: come creare collegamenti di qualità con i connettori a banana

Per collegare i tanti dispositivi presenti nelle nostre case si ricorre all’utilizzo di una miriade di cavi e connettori. A volte si fa un po’ di fatica a riconoscerli e spesso non si conoscono le loro caratteristiche. Per quanto riguarda i sistemi audio, i connettori a banana sono una delle soluzioni più diffuse ed apprezzate.

Gli appassionati dell’alta fedeltà sanno benissimo che i cavi rappresentano una parte fondamentale per le prestazioni del loro impianto Hi-Fi. Quando si parla di cavo non si fa riferimento solo al filo, ma anche ai connettori: quelli a banana permettono di creare dei collegamenti efficaci e sicuri, in grado di garantire performance di alto livello per tantissimo tempo.

Quando si usano i connettori a banana

La forma dei connettori a banana è facilmente distinguibile: all’interno del polo che spunta dal cilindro è presente una molla che conferisce al connettore un aspetto bombato, facendolo assomigliare al frutto da cui prende il nome. La molla ha il compito di garantire la stabilità del collegamento una volta che il connettore viene inserito in una presa.

Vengono utilizzati per creare un collegamento stabile e di elevata qualità tra ricevitori surround e diffusori. Ricorrendo a tali connettori a banana si evita di dover utilizzare nei collegamenti i cavi spellati: è vero che il rame “nudo” garantisce la migliore trasmissione del segnale, ma è altrettanto vero che si ossida molto rapidamente, compromettendo molto presto le sue qualità.

Dove trovare e come scegliere la soluzione gusta per il proprio sistema audio

Per avere la certezza di disporre di uno strumento valido, è opportuno rivolgersi ad esperti del settore che sappiamo consigliare i migliori prodotti disponibili sul mercato. In tal senso, nella sezione “connettori banana” del portale di RS Components è possibile trovare i modelli dei migliori marchi a prezzi vantaggiosi.

È sufficiente selezionare le caratteristiche desiderate per visualizzare sullo schermo solo i modelli adatti all’uso. I filtri di ricerca riguardano il metodo di terminazione, la tensione e la corrente nominali, il tipo e la placcatura del contatto, le dimensioni del connettore, i materiali, il genere ed il colore.

Basta cliccare su un articolo per poter vedere la sua scheda: qui sono riportati le specifiche tecniche ed altri dettagli relativi al prodotto. Sul sito sono disponibili anche gli accoppiatori a banana, che permettono di unire due pezzi di filo, in modo da estendere il cavo o creare una nuova installazione, assicurando un collegamento saldo e performance di alta qualità.

Perché usare i connettori a banana: i vantaggi

I connettori a banana sono molto utilizzati perché permettono di beneficiare di diversi vantaggi. Innanzi tutto, come detto, evitano che il cavo si possa ossidare, quindi garantiscono un’elevata qualità nel corso del tempo. Assicurano un collegamento solido, praticamente permanente. Poi rappresentano un’efficace protezione sia per il cavo che per l’apparecchiatura a cui sono collegati.

A questo bisogna aggiungere altri benefici secondari: sono esteticamente molto carini da vedere e soprattutto sono molto facili da collegare. Non si devono infatti impiegare cacciaviti o altri strumenti particolari: basta inserire il connettore maschio nel connettore femmina ed il gioco è fatto. Proprio per questa facilità d’uso si fanno preferire ai connettori a forcella, che prevedono qualche passaggio in più.

Oltre al modello standard, che è quello più diffuso, sono individuabili altri tipi di connettori a banana. Ci sono ad esempio le cosiddette banane spezzate, le banane a lamella, le banane a molla e le banane ad espansione. I vari tipi si distinguono per il meccanismo che garantisce la stabilità del collegamento con l’apparecchio (amplificatore o altoparlante).



redazione