Si fa arrestare per non vivere con sua moglie

In MONDO, social up by redazioneLeave a Comment

La vita coniugale può essere davvero difficile, dopo molti anni d’amore i difetti diventano intollerabili. Un settantenne ha esasperato dai continui litigi con la moglie ha trovato la soluzione al problema: ha rapinato una banca di Kansas City allo scopo di essere arrestato e poter stare così lontano da casa.

Lawrence John Ripple è entrato in banca ed ha consegnato un biglietto al cassiere con scritto “Ho una pistola, dammi i soldi”. Il cassiere ha ubbidito, ma poi Ripple invece di fuggire si è seduto comodamente su una poltroncina all’ingresso della banca.

Quando un addetto della sicurezza è arrivato, Ripple gli ha detto tranquillamente che era lui la persona che stava cercando. L’addetto ha ripreso i soldi consegnati dal cassiere all’uomo ed ha avvertito la polizia. Gli agenti arrivati in pochi istanti hanno portato l’uomo in caserma.

Durante l’interrogatorio, Ripple ha spiegato che continuava a litigare con la moglie e non voleva continuare ad essere in quella situazione. E quando è arrivata la donna per incontrare l’uomo dopo l’arresto, Ripple ha detto a sua moglie che preferiva rimanere in prigione piuttosto che tornare a casa con lei. L’uomo era talmente convinto nel suo proposito di andare in prigione, da rifiutare l’assistenza di un avvocato. I suoi sforzi sembrano avere funzionato, dato che è riuscito a farsi trasferire in una prigione federale a Leavenworth, sempre in Kansas.

I giornalisti non sono riusciti a contattare la donna per un suo commento sull’accaduto, non ci sono neppure indicazioni su quali siano stati gli argomenti tali da scatenare litigi così continui da spingere l’uomo a farsi arrestare per poter trovare pace lontano da casa.

Probabilmente una soluzione estrema, ma sicuramente efficace!