Solo una “Questione di karma” Fabio De Luigi ed Elio Germano recitano insieme

In SPETTACOLO by Sandy SciutoLeave a Comment

In “Questione di karma”, secondo film del regista Edoardo Falcone che firma anche soggetto e sceneggiatura, vi è una coppia di attori che non avremmo mai immaginato di vedere insieme sul grande schermo.

La magia del cinema, però, è anche questa: realizzare l’impensabile e lasciare allo spettatore l’immedesimazione nella trama e l’affetto verso i personaggi raccontati. Stiamo parlando di Fabio De Luigi ed Elio Germano che, per la prima volta, recitano in coppia andando oltre ogni aspettativa possibile e regalandoci un’interpretazione trasversalmente brillante a tal punto da trasformare il film da commedia ad una fiaba straordinaria dei giorni nostri in cui la sincerità e la solidarietà reciproca hanno un valore.

I protagonisti del film sono Giacomo (Fabio De Luigi) e Mario Pitagora (Elio Germano), due uomini nettamente opposti per stile di vita ed alterne fortune. Il primo è erede di un’industria che produce matite colorate gestita dal secondo marito della madre e dalla sorella. Giacomo è introverso, riservato e, seppur molto colto ed istruito, è considerato dalla famiglia un incapace al quale togliere le quote dell’azienda. Giacomo è appassionato di spiritualità ed esoterismo e, fondamentalmente, non ha mai accettato la morte del padre, suicidatosi quando lui era piccolo.

Proprio per questo motivo, consulta un professore francese (Philipe Le Roy), studioso di reincarnazione ed esoterismo, il quale indica in Mario Pitagora, l’essere umano vivente in cui suo padre si è reincarnato.

Mario Pitagora è un uomo senza scrupoli, pieno di debiti, continuamente pedinato dai suoi creditori e con una famiglia che non lo ama più. Quando incontra Giacomo capisce che è la sua grande occasione per rimettersi in pari con la vita e riottenere la stima dai suoi cari. Decide, quindi, di accettare del denaro da Giacomo per il tempo con lui trascorso e che non ha potuto sfruttare per lavorare.

Tutti, però, si accorgono che Mario Pitagora è un truffatore, tranne Giacomo al quale sarà lo stesso Mario a confessare la verità. Alla fine del film, infatti, i due non solo inevitabilmente diventeranno grandi amici, ma cominceranno una nuova vita con risvolti lieti per entrambi.

Il film, distribuito da 01 Distribution, si pregia di un cast tutto italiano ben equilibrato nel quale spiccano per incidenza nella trama e interpretazioni piacevoli e, a volte, sopra le righe: Massimo De Lorenzo, Daniela Virgilio, Isabella Ragonese e la splendida Stefania Sandrelli nel ruolo della madre di Giacomo.

“Questione di karma” è una commedia che si basa sul vuoto lasciato dalla perdita di un padre come nel caso di Giacomo che proverà a ritrovarlo nella realtà attraverso Mario Pitagora.

Rendono bene l’idea le scene in cui Giacomo e Mario passano le giornate insieme, mangiando il gelato, andando in bicicletta o parlando della donna desiderata da Giacomo.

La bravura di De Luigi e di Germano è rintracciabile nel sapersi cimentare in ruoli mai sperimentati finora, regalando una nuova sfumatura del loro mestiere di attori.

Nonostante la critica non sia stata uniforme nel ritenere “Questione di Karma” una commedia ben fatta con una morale, noi di Social Up crediamo, invece, che l’ultimo film di Edoardo Falcone sia un piccolo gioiellino cinematografico da non dimenticare in un periodo in cui per far ridere od intrattenere vince la volgarità, i doppi sensi e le imitazioni sgraziate piuttosto che il garbo, la qualità dei contenuti e il veicolare messaggi seppur tradizionali sempre moderni ed attuali.

Buona visione!

About the Author
Sandy Sciuto

Sandy Sciuto

Facebook Twitter Instagram LinkedIn

Praticante Avvocato del Foro di Catania. Nata il 4 marzo come Lucio Dalla e mancina come Mozart, Steve Jobs e Leonardo Da Vinci. Amante del bello e della mia Sicilia che non smetto mai di scoprire e di fotografare. Sono una serie tv dipendente e una cinefila dell'ultim'ora. Divoro libri da quando lessi "Storia di una capinera" durante l'estate del '97 e, ad oggi, preferisco Pirandello e Camilleri a qualsiasi storia su maghi, draghi o roba simile.

Loading...