Perde la libertà e sconta una pena in carcere, soltanto per 1000 like su un post del dipartimento della polizia

Che cosa non si farebbe per dei like, addirittura rinunciare alla conquistata libertà, anche se non proprio nei termini di legge.

Nel Michigan, un ragazzo di 21 anni, Michael Zydel, dopo avere trascorso una serata allegra con amici ed avere superato di tanto il bicchiere di troppo, mette su una rissa nel pub, salta al volante, ma li viene subito bloccato dalla polizia locale, arrestato e denunciato per aggressione e per condanna in stato di ebbrezza. 

Grazie al fatto che il ragazzo era incensurato, riesce a risparmiarsi la prigione per una condanna più lieve, e viene posto in libertà vigilata.

Ma la testa calda gli fa saltare gli impegni presi con il giudice ed i controlli presso le forze dell’ordine a cui doveva sottoporsi giornalmente e decide di darsi alla fuga.

La polizia del luogo, il dipartimento di Redford Township, piccola cittadina, dove si risente tanto del potere dei social, decide per ritrovare il ragazzo, di lanciare un appello su fb invitando i cittadini a rintracciare il fuggiasco.

Michael, grande appassionato di social, quasi contento di avere ricevuto una inaspettata popolarità grazie all’appello del posto della polizia, spavaldamente risponde,“Non mi preoccupo”, ha scritto il ragazzo su facebook. “Se il vostro prossimo post ottiene 1.000 condivisioni mi costituirò e porterò una dozzina di ciambelle, e questa è una promessa. E raccoglierò ogni pezzo spazzatura nelle vostre scuole pubbliche”,promettendo così pubblicamente, che se il post avesse ricevuto un consenso di almeno 1000 like, si sarebbe subito consegnato alla polizia per scontare la propria pena ed in più avrebbe portato un vassoio di ciambelle proprio ai poliziotti, mette in moto una sfida che diventa un fenomeno virale.

La polizia, a sua volta, risponde ironicamente, “Ciambelle !!!! Ci ha promesso le ciambelle! Sapete quanto amiamo le ciambelle!”, sulla pagina Facebook del dipartimento .

 Tutta la cittadina coinvolta, ha quindi iniziato a mettere like, proprio per vedere il comportamento di Michael, il ricercato più famoso di fb di tutta la contea, ed iniziano a fioccare like a più non posso. 

Alla quota più che superata di 4000 like, come aveva promesso, il ragazzo si presenta alla polizia, pronto per scontare la propria pena, e con se porta un grande vassoio di ciambelle appena sfornate in onore ai poliziotti che lo avevano reso così famoso, ma come a voler onorare la sua popolarità chiede al distretto di pubblicare un post ,“Zaydel ha mantenuto la promessa di consegnarsi al dipartimento per i reati per cui è ricercato. È venuto da solo, e non solo ha portato le ciambelle, ma ha portato anche un bagel! Vorremmo nuovamente esprimere la nostra gratitudine per il sostegno di tutti coloro che hanno seguito questa storia, hanno condiviso il  post e ci hanno aiutato”. 

Tutto contento per essere il ricercato più famoso del web della sua cittadina, è pronto a scontare la sua pena di 39 giorni di carcere, avendo perso il diritto alla libertà vigilata,  condanna che potrebbe essere prorogata di altri 30 giorni nel caso non paghi tutti i costi giudiziari e le multe.



Alessandra Filippello