Nastri d’Argento 2017: tra candidature e pronostici

Il 6 giugno 2017 il Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani (SNGCI) ha annunciato le candidature ai Nastri d’Argento al MAXXI di Roma, consegnando i premi tecnici e i Nastri speciali.

Durante la serata sono stati premiati Luca Bigazzi che ha curato la fotografia de “La tenerezza” e “Sicilian Ghost Story”, Francesca Calvelli e Marco Dentici per il montaggio e la scenografia di “Fai bei sogni”, Alessandro Rolla per il sonoro in presa diretta del film “Fortunata” e Massimo Cantini Parrini per i costumi di “Indivisibili”.

Come annunciato a Cannes, è stato riconfermato il Nastro dell’anno alla serie tv “The Young Pope” scritto e diretto dal premio Oscar Paolo Sorrentino ed assegnato a Roberto Faenza il Nastro alla carriera per “La verità sta in cielo” che racconta della scomparsa di Emanuela Orlandi con una Greta Scarano brava più che mai. Il Nastro dedicato ai giovani è stato consegnato a Roan Johnson per il film “Piuma”.

I Nastri speciali sono andati a Giuliano Montaldo, protagonista di “Tutto quello che vuoi” di Francesco Bruni, al film di Michele Placido “7 minuti” e a “Sole cuore amore” di Daniele Vicari per la particolare attenzione alla tematica del lavoro.

Scena dal film “Sole cuore amore” di Daniele Vicari

Per quanto riguarda le candidature annunciate, i film “La tenerezza” di Gianni Amelio, “Fortunata” di Sergio Castellitto e “Indivisibili” di Edoardo De Angelis hanno ricevuto rispettivamente ben sette nomination. Seguono con sei candidature “Fai bei sogni” di Marco Bellocchio e “Fiore” di Claudio Giovannesi. “Tutto quello che vuoi” di Francesco Bruni si aggiudica cinque nomination. Si fermano a quattro nomination i film “Il padre d’Italia” di Fabio Mollo, “Il permesso- 48 ore” di Claudio Amendola e “Sicilian Ghost Story” di Antonio Piazza e Fabio Grassadonia.

La 71a edizione dei Nastri d’Argento in cui si scopriranno i nomi dei vincitori e verrà assegnato l’ambito riconoscimento, si terrà a Taormina l’1 luglio. Durante la cerimonia, verrà consegnato il Nastro d’Argento europeo 2017 a Monica Bellucci, per l’interpretazione nel film “On the milky road – Sulla via lattea” di Emir Kusturica

Nel frattempo, noi di Social Up non riusciamo ad aspettare e nell’attesa proviamo a fare i nostri pronostici nelle categorie più importanti per gioco e per amore del cinema, consapevoli che molti dei progetti cinematografici sono di alto livello.

MIGLIOR FILM:

La scelta è tra “Fortunata” ed “”Indivisibili”: due film intensi che raccontano storie diametralmente opposte. Se il primo è stato presentato al Festival di Cannes, il secondo ha fatto incetta di David di Donatello nell’ultima kermesse. Secondo noi il favorito è “Fortunata” di Sergio Castellitto.

Scena dal film “Fortunata”

MIGLIOR REGIA:

Marco Bellocchio in “Fai bei sogni” è il nostro vincitore, seppur nella cinquina dei candidati spicca anche Ferzan Ozpetek che non ha mai deluso con i suoi film.

Scena dal film “Fai bei sogni” di Marco Bellocchio

MIGLIOR COMMEDIA:

Non vi è alcun dubbio per noi. “Omicidio all’italiana” di Maccio Capatonda vincerà per la miglior commedia. Con il suo secondo film, l’ex Youtuber ha dimostrato come trarre spunto dalla realtà per realizzare un progetto cinematografico ben scritto, ben recitato e divertentissimo fino alla fine.

Scena dal film “Omicidio all’italiana”

MIGLIOR SOGGETTO:

Scelta difficile ed ardua per questa categoria. I film candidati raccontano su più fronti la società odierna: dall’uso smodato della tecnologia e dalla precarietà che porta a vendersi all’omosessualità e alla mafia. Meriterebbero tutti, ma dovendo scegliere “Il padre d’Italia” di Fabio Mollo e Josella Porto sarebbe la scelta migliore.

Scena dal film “Il padre d’Italia”

MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA:

Assegnare un premio può significare riconfermare all’attore il suo talento e la sua bravura oppure riconoscere come nel panorama cinematografico ci sono interpreti che film dopo film hanno saputo conquistarsi la definizione di attore. Sulla base di questa considerazione, il vincitore della categoria per noi dovrebbe essere Toni Servillo per “Lasciati andare” o Michele Riondino per “La ragazza del mondo”.

Scena dal film “Lasciati andare”

MIGLIOR ATTRICE PROTAGONISTA:

Che cinquina pazzesca!!! È meraviglioso constatare che il cinema italiano è vivo più che mai e si è rigenerato con interpreti brave e poliedriche. La nostra vincitrice sarà Jasmine Trinca per “Fortunata”, anche se non si devono sottovalutare Greta Scarano e Isabella Ragonese.

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA:

Alessandro Borghi per “Fortunata” merita di vincere il Nastro D’Argento. Sembra ieri quando il grande pubblico l’ha conosciuto per la prima volta grazie al video musicale del brano “Basta così” dei Negramaro. Da allora, Borghi ha dimostrato di essere un attore versatile, camaleontico e appassionato del lavoro dell’attore e siamo sicuri che continuerà a stupirci.

Alessandro Borghi nel ruolo di Chicano in “Fortunata”

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA:

Il Nastro D’Argento per questa categoria è per Carla Signoris in “Lasciati andare”, ma spicca per il suo ruolo anche Barbara Bobulova per “Cuori puri” e Anna Ferruzzo in “Il padre d’Italia”.

Carla Signoris nel film “Lasciati andare”

MIGLIOR COLONNA SONORA:

Se i David di Donatello relativi alla musica sono stati tutti vinti da Avitabile per il film “Indivisibili”, anche il Nastro d’Argento sarà vinto da Enzo Avitabile.

Scena dal film “Indivisibili”

Incrociamo le dita e in bocca al lupo al cinema italiano!



Sandy Sciuto