Life In A Day: il film di YouTube di Ridley Scott aperto a tutti

Da oggi chiunque potrà dire di avere a che fare con Ridley Scott. Proprio così, il regista de Il Gladiatore ed altri capolavori è tornato di nuovo a lavoro per realizzare il nuovo lungometraggio di YouTube “Life in a Day”.

Life in a Day vuole descrivere quanto accaduto e quello che potrebbe accadere nel 2020, annus horribilis fin qui, con l’obiettivo di YouTube di “catturare gli istanti di quotidianità e sentimenti nell’arco di una sola giornata”.

Life In A Day: i video di tutti i giorni con Ridley Scott

Chiunque potrà partecipare, inviando il proprio spezzone di quotidianità da oggi, 25 luglio, fino al 2 agosto. Sarà poi compito di Ridley Scott assemblare tra loro i diversi video inviati, per descrivere al meglio i sentimenti che stanno caratterizzando il 2020.

Il primo film della serie “Life In A Day”, girato nel 2010, ha registrato quasi 17 milioni di visualizzazioni. Riguardandolo ci si rende conto da subito di quante cose siano cambiate, partendo dall’interfaccia di Skype fino ad arrivare ai sentimenti di un mondo in piena crisi economica, invaso da paura ed incertezza.

Iniziative del genere permettono di scolpire la memoria e le sensazioni di un determinato periodo storico, lasciando documenti ai posteri, importantissimi per comprendere gli effetti delle decisioni quotidiane sulla vita di ognuno di noi.

Da ammirare la scelta di YouTube di affidare la descrizione della quotidianità alla gente comune, non a super attori, sicuramente bravissimi, ma probabilmente fuori dal mondo reale. Partendo dalla realtà, infatti, si ha l’opportunità di non dare una rappresentazione travisata di un determinato periodo storico, provando a descrivere ciò che accade nel modo più imparziale possibile.

Life In A Day: un’opportunità per lasciare il segno

Le regole per girare il video sono poche, per lo più relative alla tutela del copyright, con un’unica richiesta principe: dare la propria testimonianza personale. Per partecipare bisogna caricare il video sfruttando il modulo Google ed incrociare le dita, sperando di far colpo su Ridley Scott.

Si ha l’opportunità, seppur piccola, di diventare parte integrante della storia mondiale, raccontata non su un libro di storia classico, ma sul moderno mondo digitale, l’archivio di notizie più ampio della storia.

Il lavoro, una volta completato, sarà presentato nella prossima edizione del Sundance Film Festival e sarà disponibile su YouTube nel 2021. Quale taglio gli darà Ridley Scott? Prevarrà la disperazione per un anno caratterizzato da pandemia e disastri naturali, o lo spirito combattivo e pieno di speranza del genere umano?

Chiunque è chiamato a dare il proprio contributo. Armiamoci di videocamera o smartphone e rendiamo speciale la nostra quotidianità.



Paride Rossi