La tripofobia: scopri se hai anche tu questa misteriosa fobia

La Tripofobia: cosa c'è in una persona che non va? La risposta alla domanda non è molto diffusa e sono poche le informazioni relative a questa assurda fobia, poiché questo termine è stato introdotto relativamente di recente (nel 2004). Molto spesso, questo concetto si riferisce alla paura di un gran numero di buchi negli oggetti organici (ad esempio, bolle nell'impasto, ascessi sulla pelle, ecc.). La paura nasce a livello genetico, perché in passato a causa dell'eccessiva paura di tutto ciò che era sconosciuto, gli antenati dell'Homo sapiens sono riusciti a sopravvivere, evolversi e come saprete ad imporsi come specie dominante sul pianeta.

Cause di fobie

Da cosa e come appare la tripofobia non è ancora noto in modo affidabile. Tuttavia, le ricerche scientifiche e piscologiche condotte in merito all'argomento hanno rivelato che esiste una sezione speciale nel cervello umano responsabile della produzione di emozioni alla vista di grappoli di buchi. In un piccolo gruppo di persone (circa il 10-20% del totale), si sviluppa molto più forte, a seguito del quale sorge una peculiare reazione difensiva.

C'è un'altra teoria per cui è emersa la paura di buchi e buchi nel corpo. È inizialmente presente in tutti i primati, notificandoli da gravi malattie, dal bisogno di cure. Ad esempio, numerose vescicole cutanee segnalano al cervello della scimmia di infettare le larve sotto il tegumento epiteliale. Questa abilità è stata ereditata anche da alcune persone, quindi la tripofobia non è considerata un serio disturbo psicofisico.

Sintomi della malattia

La tripofobia, i cui sintomi non sono completamente compresi, è una delle fobie più giovani, e molte autorità continuano a rifiutarsi di includerla nell'elenco delle malattie. Un individuo soggetto alla malattia in questione più spesso sperimenta le seguenti condizioni:

  • scoppi di paura o attacchi di panico;
  • ansia prolungata;
  • palpitazioni cardiache;
  • forti capogiri;
  • aumento della sudorazione;
  • nervosismo.

La tripofobia nell'uomo può avere effetti sulla salute più gravi. Se nelle prime fasi dello sviluppo della malattia, il paziente è molto ansioso con tutti i sintomi fisiologici che seguono, quindi con il progredire della malattia, vengono aggiunti prurito, arrossamento della pelle, spasmi muscolari o convulsioni. Nella forma estrema, la malattia porta a perdita di coscienza, mancanza di respiro, disordine di coordinazione e deviazioni psicologiche (depressione, isolamento, mancanza di volontà di uscire). I segni della tripofobia possono variare in modo significativo, pertanto solo uno specialista esperto può effettuare una diagnosi accurata.

Tipi di malattia

Poiché il disturbo descritto è stato introdotto nella pratica medica relativamente di recente, la tripofobia, le cui varietà non hanno una classificazione generalmente accettata, è ancora allo studio. Di regola, i medici distinguono tali tipi di malattie come:

  • forma lieve (quando un individuo sperimenta nervosismo, ansia);
  • forma media (nausea, prurito, tremore);
  • forma grave (il paziente lamenta attacchi di panico, vertigini, vomito).

La fobia dei buchi nel corpo o negli oggetti circostanti è considerata un serio ostacolo alla vita normale di una persona. Spesso provoca confusione, ridicolo, apertamente ostilità da parte di colleghi, amici o persone non familiari. Per quanto possa sembrare incomprensibile questa malattia, bisogna trattare le persone con questa malattia con rispetto

Tripofobia: una malattia o un mito?

La tripofobia, le cui cause sono un mistero per i ricercatori, non è riconosciuta dall'Associazione psichiatrica americana, a causa della quale non ti verrà mai data una diagnosi del genere. Alcuni scienziati sostengono che la fobia dei buchi nel corpo umano sia basata sull'avversione biologica e non sulla paura. In altre parole, le reazioni difensive non sono causate da un reparto speciale nel cervello, ma dal pensiero associativo, che attira nell'immaginazione dell'individuo un quadro di possibili problemi. Per alcune persone, numerose aperture sembrano disgustose e spaventose, mentre altre non si sentono a disagio quando guardano. Ciò ha permesso ai ricercatori di concludere che la tripofobia non è una malattia, ma è una reazione riflessa inconscia.

Inoltre, ora c'è un mito persistente che spaventa molte persone: presumibilmente la tripofobia è una malattia che distrugge parti del corpo. Ci sono numerose immagini su Internet che mostrano l'accumulo di numerosi buchi nella pelle di una persona, che letteralmente lo decompongono. Ci affrettiamo a rassicurarti: queste foto spaventose sono tutte solo photoshop! La tripofobia è solo una malattia psicologica, non appare sulla pelle umana come un buco, il massimo è prurito nervoso, ma non di più.

Trattamento della malattia

Qual è la tripofobia, le foto e i video di cui verrà fornito di seguito, ogni persona ha il diritto di decidere autonomamente. Tuttavia, dovrebbero essere trattati sintomi spiacevoli che possono causare gravi danni alla salute. Il trattamento della tripofobia di solito include tutta una serie di attività, tra cui:

  • psicoanalisi;
  • terapia ospedaliera;
  • sessioni di psicoterapia di gruppo o individuali;
  • farmaci (sedativi e antidepressivi).

I metodi di riabilitazione psicologica finalizzati all'acquisizione di abilità di autocontrollo in situazioni stressanti si sono dimostrati efficaci. Se sei letteralmente paralizzato dalla paura, gli psicologi ti consigliano di guardare altre materie, concentrarti su di esse, pensare a qualcosa di piacevole e poi cercare di uscire dallo stato di stupore. Imparare a gestire le tue paure è l'obiettivo principale del trattamento.

Posso curarmi?

Sfortunatamente, solo pochi riescono a far fronte alla malattia da soli, perché la malattia si verifica a livello del subconscio, che molte persone non possono controllare. Poiché le principali misure che contribuiscono al superamento della tripofobia a casa, va innanzitutto notato:

  • la meditazione;
  • il rilassamento;
  • formazione situazionale.

È importante prepararsi per le convulsioni, poiché di solito si verificano nel momento sbagliato. Spesso la tripofobia sul corpo umano provoca prurito o arrossamento, quindi è necessario portare con sé farmaci antiallergici che riducano il disagio. Inoltre, sempre a portata di mano dovrebbe essere acqua pulita, ammoniaca o altri mezzi che ti aiuteranno a riacquistare rapidamente i sensi durante lo svenimento.

Test: hai fobie?

Per determinare se hai la tripofobia, immagini speciali ti aiuteranno, foto di numerose piaghe sulla pelle umana, ecc. La diagnosi richiede solo pochi minuti, tuttavia i suoi benefici sono inestimabili.

  1. Basta anche un piccolo buco nella pelle di qualcuno per farti venire un attacco di panico?
  2. Hai paura di farti male?
  3. Hai paura del piercing?

Scrivi le tue risposte nei commenti!