mi faccio schifo zio benny

“La mattina mi alzo e mi faccio schifo!” Raccontalo a zio Benny

“Carissimo zio Benny, ti capita mai di svegliarti la mattina e non piacerti? A me succede ogni santo giorno. Mi alzo, vado in bagno e l’immagine che vedo allo specchio mi fa schifo. Non amo il mio corpo e nemmeno la mia faccia. Penso anche di non piacere a nessuno. Non c’è mai stata una persona che mi dicesse quanto sono bella e gli altri non fanno altro che notare i miei difetti. Non riesco a sentirmi a mio agio tra le persone e se qualcuno mi guarda, penso che lo stia facendo solo per criticare il mio corpo. Io cerco sempre di reagire con ironia, ma spesso, il giudizio degli altri non fa altro che buttarmi ancora più giù e confermare quanto penso di me stessa. Non voglio sembrare una ragazzina vuota, attenta solo al lato esteriore, però, non so nemmeno come spiegarmi. Vedo le altre ragazze e penso sempre che siano più magre, più belle, meglio vestite e io no. Non so nemmeno con chi parlarne. Mi sento persa.
Viviana.”

Ciao Viviana,
le tue parole sono molto forti e riesco ad immaginarti proprio lì, di fronte allo specchio a sbuffare contro te stessa. Mi fa tanta tenerezza questa cosa, ma allo stesso tempo, anche tanta rabbia, ma di un nervoso che al solo pensarci lancerei fuori dalla finestra la tastiera del pc.

La mia rabbia non è verso di te Viviana, assolutamente, ma verso quell’ossessiva ricerca di una bellezza standard a cui tutti dobbiamo uniformarci per essere accettati e riconosciuti come belli. Una ricerca osannata e per quanto ci sforzeremo di riconoscere le diverse molteplicità di bellezza, ci scontreremo sempre contro dei canoni che ci saranno propinati ogni volta. E’ un discorso grosso e penso anche alle battaglie che molte donne come ad esempio Lizzo portano avanti. Battaglie di accettazione del proprio corpo e della propria bellezza. Un essere fieri di come si è e di come si vuole essere. Idee che io condivido e condividerò sempre.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

When they say ‘ima star’ this is what they mean.. @quinnwilsonn

Un post condiviso da Lizzo (@lizzobeeating) in data:

Lo so, potrei scrivere una risposta lunghissima sul body positive, ma ciò non cambierebbe la tua idea e forse da me ti aspetti chissà quale mantra che possa aiutarti. No, Viviana, non ho un mantra. Ciò che posso dirti è che sì, capita anche a me di svegliarmi la mattina e di non piacermi. A volte anche di sera e a volte anche quando sono in mezzo ad altre persone. Penso al mio naso grosso, ai miei capelli ribelli che da ricci tendono al liscio e da lisci tendono al riccio. Penso ai miei chili di troppo e a volte mi lamento dei miei glutei flaccidi. Sono insicurezze inevitabili e suppongo che se andassimo anche da colei che reputi la più bella del mondo, ti parlerebbe delle sue insicurezze.

Nel tuo messaggio hai usato la parola ironia, ecco l’ironia sono sempre convinto che possa salvare il mondo e anche noi stessi. Bisogna giocare e mettersi in dubbio e valorizzare ciò che più ci piace di noi. Sono sicuro che avrai qualcosa in cui ti senti forte, ecco, eccelli in quello. Scopri cos’è che ti rende sicura e agli altri mostra la tua bellezza. Smettiamola di credere che la bellezza sia solo fisica ed esteriore. Possiamo non rispecchiare i canoni imposti dai nostri tempi, ma ogni singolo individuo possiede in se qualcosa di unico e prezioso.

La mattina, quindi, dopo aver fatto colazione, quando ti troverai davanti allo specchio a sbuffare sui tuoi difetti… Sorridi, anzi guardati negli occhi e di ad alta voce cosa di bello hai e puoi dare agli altri.

Ah! Vero gli altri. Se intorno a te hai persone che riescono solo a vedere i tuoi difetti, forse dovresti iniziare a valutare l’idea che queste persone non sono proprio quelle che ti occorre avere intorno. E’ poi si sa, è più semplice guardare i difetti degli altri. Quindi non ripagarli con la stessa moneta, piuttosto, mandali al diavolo e cerca persone che hanno idee superiori. Quelle sì, che fanno bene al cuore.

Ti lascio un forte abbraccio e quando penserai di non essere abbastanza, urla un grosso vaffanculo, indossa la tua maglia preferita e scendi per strada fiera di te stessa, non hai bisogno dell’approvazione degli altri, ma solo ed esclusivamente della tua. Sei tu la voce che vale più di tutte!

Zio Benny.

Raccontalo a zio Benny! Puoi scrivermi a benito.dellaquila@socialup.it oppure inviarmi un direct a @lookonart



Benito Dell'Aquila