La leadership di Samsung sotto tiro dei brand cinesi come Huawei e Xiaomi

Giuseppe Forte

In TECH / Giuseppe Forte / Comments

Il mercato degli smartphone è sempre in continuo fermento e pare che nel corso del 2018 siano nuovamente cambiate le gerarchie di preferenza tra i consumatori. Dopo diversi anni trascorsi indisturbatamente come principale leader mondiale, Samsung ha subito una pesante battuta d’arresto in termini di vendite e si è vista costretta a cedere il passo ai due principali competitor cinesi, ovvero Huawei e Xiaomi, in grande ascesa e ancor più apprezzati da tutti.

Secondo i dati riportati da IDC (International Data Corporation, prima società mondiale specializzata in ricerche di mercato) e da Strategy Analytics, questa tendenza al ribasso ha portato Samsung ha subire un calo delle vendite dei propri prodotti pari al 13% soltanto nell’ultimo trimestre. Il declino era già nell’aria se si considerano i cali dei precedenti trimestri: 10% nel secondo, 2% nel primo e il 4% nell’ultimo trimestre del 2017.

Pare che alla base delle difficoltà riscontrate dal colosso sudcoreano ci sia principalmente il mancato successo dei dispositivi Galaxy S9 e Galaxy Note 9, entrambi rivelatisi poco competitivi nella fascia degli smartphone top di gamma. A questo si aggiunge la perdita di terreno sui telefoni della fascia medio-bassa, mercato in cui i brand cinesi sono gli assoluti dominatori.

Il principale rivale di Samsung è senza dubbio Huawei che quest’anno ha subito una crescita esponenziale. Oltre a far salire le spedizioni del 32% nello scorso trimestre, Huawei ha superato ancora una volta Apple come secondo produttore di smartphone al mondo. Al P20 si deve probabilmente la maggior parte di questo successo, poiché la sua ottima competitività sul mercato ha spinto i consumatori a considerare anche i prodotti di medio-basso livello realizzati dall’azienda cinese.

Anche Xiaomi, altro brand made in China e rivale di Samsung, è in continua espansione. Le spedizioni dell’ultimo trimestre sono salite del 20%, garantendo così il quarto posto dietro a Apple nelle spedizioni globali di smartphone. “Samsung sta perdendo terreno per Huawei, Xiaomi e altri rivali cinesi negli enormi mercati di Cina e India”, ha dichiarato Neil Mawston, Executive Director di Strategy Analytics. “Samsung deve risolvere i problemi della Cina e dell’India prima che sia troppo tardi”.

In casa Samsung non si perde ottimismo, nonostante si abbia preso coscienza delle difficoltà riscontrate quest’anno. Le previsioni dei sudcoreani indicano un aumento delle spedizioni nel quarto trimestre, in particolare grazie ai nuovi Galaxy A7 e A9, e una crescita globale del mercato degli smartphone nel 2019. Il nuovo anno sarà ricco di novità: Samsung dovrebbe lanciare tre modelli del Galaxy S10 ed un nuovo telefono pieghevole. Quest’ultimo verrà svelato per la prima volta durante la conferenza degli sviluppatori, prevista per la prossima settimana.

Per il primo produttore di telefoni al mondo, la crescente concorrenza dei rivali cinesi rappresenta una seria minaccia, non tanto per i dispositivi di fascia alta quanto più per quelli di fascia medio-bassa, settore in cui a Huawei e Xiaomi va riconosciuto di aver realizzato prodotti estremamente funzionali e disposti a sfidare la posizione dominante di Samsung.