La Fiera Nazionale della Nocciola di Cortemilia, l’evento da non perdere per celebrare il territorio

Dal 20 al 29 agosto avrà luogo la 67edizione della Fiera Nazionale della Nocciola di Cortemilia nel rinomato borgo piemontese di Cortemilia, proprio nel cuore dell’Alta Langa. 

La manifestazione è nata per celebrare una delle bontà piemontesi più conosciute al mondo e sarà anche un’occasione speciale per celebrare il rilancio del territorio e delle sue eccellenze grazie a nove giorni ricchi di incontri culturali, presentazioni di libri, spettacoli teatrali, momenti dedicati alla tradizione e all’enogastronomia piemontese e concerti. L’evento finale  sarà un concerto dedicato al mondo delle associazioni e del volontariato, così importanti in questo momento di difficoltà per l’Italia intera, nel quale si esibirà l’amatissimo compositore Giovanni Allevi.

“È un concerto nato per la ripartenza, con un artista trasversale che entra nel cuore e nell’anima – spiega Paola Veglio, alla guida di Brovind Vibratori S.p.A. realtà di Cortemilia da sempre molto attenta al welfare territoriale – e dedicato al mondo del volontariato, a tutte quelle persone che in silenzio dedicano tempo agli altri, creando un qualcosa di virtuoso che in piccoli paesi come il nostro trainano veramente il sistema. Brovind c’è e crede molto in questo concerto, sostenendolo: investire sul territorio fa bene a tutti noi. Solo così possiamo continuare a crescere i giovani, dare lavoro e prospettive future e intraprendere iniziative mirate al welfare di tutti”.

Una fiera nazionale per celebrare la nocciola più buona del territorio (e non solo!): ecco la Nocciola di Cortemilia

La nocciola “Tonda Gentile Trilobata” non è soltanto un’eccellenza piemontese e in particolare dell’Alta Langa, ma una straordinaria testimonianza di tipicità tutta italiana, capace di imporsi a livello internazionale e conquistare il riconoscimento di Indicazione Geografica Protetta con il nome “Nocciola Piemonte IGP” nel 1993. Coltivata sin dai primi del Novecento, la sua rapida diffusione ha rappresentato (e rappresenta ancora oggi) anche un importante volano per l’economia locale, basti pensare agli oltre 300.000 quintali di nocciole raccolti in Piemonte, di cui 179.000 solo nel cuneese che, a livello regionale, è l’area di maggior produzione. Ma negli anni, a partire dal dopoguerra ad oggi, la nocciola è anche divenuta un modo per promuovere la cultura di un territorio importante, fatto di storia e tradizione e innovazione, come quello di Cortemilia.

“La fiera Nazionale della nocciola di Cortemilia, rappresenta un momento importante per tutto il territorio dell’Alta Langa: vengono promosse le nostre eccellenze, in primis la nocciola, il paesaggio terrazzato e tanti suggestivi scorci dei nostri borghi ricchi di storia. Occorre continuare a credere in nuove sfide e investire in servizi e iniziative socio-culturali, puntando sull’ecosostenibilità e portando Cortemilia a essere sempre più un centro di riferimento delle Langhe” conclude il Sindaco di Cortemilia Roberto Bodrito.

Insomma, un modo per celebrare il territorio e le meraviglie che ci offre rendendoci, come sempre, tra i migliori al mondo per la nostra cucina e la qualità delle nostre materie prime.



Valentina Brini