La donna avvelena i cani e si giustifica dicendo che ha il diritto di odiarli

A Granada, in Spagna, recentemente Erica Pericacho, amante degli animali, ha affrontato una donna che andò nel suo negozio e le disse: “Ti ho donato del mangime avvelenato per uccidere gli animali, perché odio gli animali ed è un mio diritto”. La donna avvelena i cani e non lo nega davanti alla telecamera, si giustifica dicendo che li odia.

Appare nel video seduta su una panchina dopo che Erica l’ha seguita dal suo negozio e l’ha affrontata per quello che gli aveva confessato. Si scopre che Erica era responsabile di un cane Shar Pei di sette anni chiamato “Duna” e morì il 13 marzo dopo aver mangiato il cibo avvelenato che il presunto colpevole aveva messo nelle scatolette da donare per gli animali bisognosi.

Erica ha detto nel video, chiedendo ancora e ancora alla donna senza cuore:”Perché hai ucciso il mio cane?” Erica dice nel video che non aveva mai visto quella donna prima, non la conosceva e non capiva perché l’avesse fatto. La donna crudele afferma di aver messo cibo per cani avvelenato giustificando il suo diritto di odiare gli animali. Gli eventi si sono verificati a Motril, Granada. Come risultato dell’atroce atto Duna morì e chissà quanti altri animali indifesi.

Erica ha pubblicato sul suo Facebook: “Questa donna sostiene di aver messo mangimi avvelenati nel mio negozio, nella nostra raccolta di alimenti per animali senza casa e reclama il suo diritto di odiare gli animali.” Come risultato, Duna, una shar-pei di 7 anni di cui mi son presa cura qualche mese fa, allenandola e con la quale avevo un forte legame emotivo, è morta avvelenata.”

Il fatto ha causato grande indignazione intorno alle persone che amano gli animali, e la maggior parte concorda sul fatto che questa persona spietata dovrebbe essere giudicata per le sue azioni; cosi’ come fa male agli animali indifesi, può far del male a chiunque.



redazione