“For crying out loud!”: il Volume 6 del percorso musicale dei Kasabian

Nella copertina vi è un uomo a torso nudo che piange gocce di lacrime azzurre disegnate su sfondo nero e l’esclamazione “For Crying Out Loud!”, scritta in nero a lettere cubitali: aprite bene le orecchie perché i Kasabian son tornati!

Uscito il 5 maggio 2017 per Sony Music, “For Crying Out Loud!” è il sesto progetto discografico della band di Leicester formata da Sergio Pizzorno (voce e chitarra, di origini genovesi), Tom Meighan (voce), Chris Edwards (basso), Ian Matthews (batteria) e Tim Carter (chitarre).

Il disco è stato scritto in sei settimane da Sergio Pizzorno che lo ha anche prodotto e conta ben dodici nuove canzoni, oltre i live dei brani più noti della band nella versione deluxe.

Il titolo scelto è un’esclamazione vintage molto utilizzata nell’inglese parlato e sarebbe il corrispettivo italiano di “Mannaggia!” o “Acciderboli!” e la parola “crying” vuol dire anche gridare e rispetta perfettamente le aspettative della band per questo nuovo progetto discografico.

Il signore in copertina è Rick Graham, il tecnico delle chitarre che lavora per i Kasabian da 15 anni, e nella copertina è incorniciato un po’ vecchia maniera col bordo bianco e con la dicitura “Volume 6” piccola in basso .

Il singolo “You are in love with a Psycho” ha preannunciato l’uscita dell’album e il video ufficiale presente su YouTube conta milioni di visualizzazioni. È chiaro che non è un disco dai toni seri, ma piuttosto un inno alla speranza. L’idea – come raccontato dagli stessi Kasabian – è di dare attraverso la musica gioia e leggerezza anteponendo testi meno impegnati e suoni dirompenti.

È stata accantonata l’elettronica del precedente disco “48:13”, e predominano le chitarre per un album suonato d’istinto con sonorità classic rock, post-punk e musica disco, tipiche degli anni ’70. Il disco risente di influenze di artisti come T. Rex, i Ramones, i Talking Heads e Blondie.

Vi sono canzoni come “Comeback Kid”, “Wasted”, “Good fight” e “III Ray (The King)” coinvolgenti ed immediate. “The Party Never Ends” e “All Through the Night “ sono le ballad dell’album. “Bless This Acid House” è una canzone leggera e una promessa hit estiva. “You’re in love with a Psycho” è un brano d’amore e descrive come si diventa folli quando si è innamorati.

Il primo ascolto basta per sentire l’album proprio, per ballarlo e per decidere di regalarlo e condividerlo con gli amici. È un disco travolgente e trascinante in cui la giusta combinazione tra i suoni puri delle chitarre che vivono e vibrano e i testi meno impegnati garantiscono l’appellativo di miglior album di tutta la carriera dei Kasabian, che sono i primi a considerarlo tale.

Il tour dei Kasabian arriverà anche in Italia con quattro date distribuite per tutta la penisola: il 19 luglio al Teatro Antico Taormina, il 21 al PostePay Sound Rock’in Roma Ippodromo delle Capannelle, il 22 luglio all’Anfiteatro Camerini di Piazzola sul Brenta (Pd) e il 23 luglio al Lucca Summer Festival Piazza Napoleone, Lucca.



Sandy Sciuto